Crea sito

Risotto al finocchietto selvatico!

Un primo piatto vegetariano con un profumo intenso ma buonissimo, è genuino con un colore straordinario ed un sapore stravagante! E’ uno dei risotti che preferisco e spero tipiaccia perchè ho una gran voglia di riprepararlo con te!! Dai facciamolo insieme!

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni3 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 210 griso
  • q.b.finocchietto selvatico
  • 1/4cipolla
  • q.b.acqua calda
  • q.b.sale
  • q.b.olio di oliva

Preparazione

  1. Iniziamo a pulire e lavare bene il finocchietto. Portiamo a bollore una pentola di acqua salata e quando bolle immergiamo il finocchietto lasciandolo cuocere per 10 minuti a fuoco medio. Procediamo pulendo e tritando finemente la cipolla, tritiamo anche il finocchietto e mettiamoli in padella con sale, olio, acqua calda e cuociamo a fuoco alto per 5 minuti, dopo aggiungiamo riso, ancora acqua e cuociamo 20 minuti circa ogni tanto mescolando ed aggiungendo acqua calda se occorre. Una volta cotto, possiamo impiattare il nostro fantastico riso e mangiare!

Conservazione

Si consiglia assolutamente di consumare il riso appena conclusa la cottura. La conservazione in frigo può avvenire per un massimo di 2 giorni riscaldandolo prima di consumarlo. Si sconsiglia la congelazione!

Seguimi

Se sei un’amante di risotti come me, troverai le ricette di tanti altri risotti (che arriveranno anche qui) sul mio profilo instagram chiamato “Food._.explosion”. Buon divertimento!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da foodexplosion

Mi chiamo Elena Villella ed ho 15 anni. La cucina è la mia passione.È un nuovo mondo nella quale sono sempre stata entusiasta di entrare. È iniziato tutto osservando come cucinavano gli altri: la mamma, la nonna, guardando vari programmi di cucina e prendendo ispirazione da vari chef tra cui Antonino Cannavacciulo che mi ha subito attirata. Mi sono motivata ancora di più quando mio cugino ha aperto un ristorante. Vederlo muovere mentre cucinava mi faceva pensare "cavolo ma lo voglio fare anche io". Mi piace pensare quindi di poter riprodurre o creare un mio piatto dando vita all'esplosione di colori, odori e sapori che più mi piace.