Torta pasqualina metodo furbo

La torta pasqualina, di origini liguri, è una torta salata ripiena con bietole, formaggio e uova. La caratteristica di questa torta è la sfoglia. La ricetta tradizionale prevede di sovrapporre almeno 27 sottilissime sfoglie (10 sotto e 17 sopra), ma in passato il massimo dell’abilità della massaia era riuscire a sovrapporre 33 sfoglie, tante quanti gli anni di Cristo.
E’ facile capire come questa sia nello stesso tempo la sua bontà (perchè così tante sfoglie sottili e spennellate di olio portano ad un risultato di croccantezza imparagonabili), ma anche la sua principale difficoltà. Quindi ho pensato ad un metodo furbo per ottenere lo stesso risultato con il minimo sforzo: se in commercio esistono delle sfoglie molto sottili già pronte all’uso perchè non utilizzarle per realizzare i numerosi strati della torta pasqualina? Nello specifico si tratta della pasta fillo. Io di strati non ne ho messi 33, ma solo 17 (tanti quanti sono quelli contenuti in una confezione di pasta), ma vi assicuro che il risultato è sorprendente, una sfoglia così leggera e croccante che non vorrete smettere di mangiarla.
Un altro problema da affrontare riguarda poi l’utilizzo del formaggio. In tutte le ricette riportate su libri, riviste e sul web troviamo la ricotta, ma la ricetta originale prevede la prescinsêua ,una quagliata tipica ligure, praticamente impossibile da trovare oltre i confini della regione. La soluzione che più si avvicina al sapore di questo tipico formaggio è mescolare la ricotta con dello yogurt bianco.

torta pasqualina
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di cottura50 Minuti
  • Porzioni8 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 400 gBietole
  • 200 gRicotta
  • 1/2 vasettoYogurt bianco naturale
  • 4Uova
  • 50 gParmigiano Reggiano DOP
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • 1 confezionePasta fillo (da 300 g)

Strumenti

  • 1 Teglia a cerniera del diametro di 22 cm
  • 1 Anello tagliapasta dello stesso diametro della teglia

Preparazione

  1. Lavate le bietole e lessatele in acqua bollente salata per pochi minuti. Scolatele, strizzatele bene e tritatele grossolanamente con un coltello.

    Ripassate le bietole in padella con un filo d’olio e un pò di sale per farle insaporire, quindi mettetele in una terrina e unite la ricotta, lo yogurt e il parmigiano grattugiato.

    Ungete la teglia e iniziate mettendo dentro la prima sfoglia facendola aderire bene al fondo e ai lati (1).

    Spennellate la prima sfoglia di olio, quindi ricoprite con la seconda sfoglia sfalsandola leggermente rispetto alla prima (2).

    Continuate così con altre 8 sfoglie, continuando a spennellare di olio tra una e l’altra e sfalsandole in modo da ricoprire bene tutta la circonferenza (3). In totale dovete mettere 10 sfoglie.

  2. Quando avete finito le sfoglie mettete il ripieno e livellatelo bene, quindi con l’aiuto di un cucchiaio formate 4 fossette. In ogni fossetta sgusciate un uovo (4-5).

    Mettete un pizzico di sale su ogni uovo, quindi con un anello dello stesso diametro della teglia ritagliate le rimanenti sfoglie (6). Se non avete l’anello tagliapasta potete utilizzare un piatto sempre dello stesso diametro della teglia, incidendo la sfoglia con un coltello tutto intorno.

  3. torta pasqualina

    Iniziate a coprire la torta pasqualina con le sfoglie che avete ritagliato, spennellando sempre di olio tra uno strato e l’altro (7).

    Quando avete esaurito tutti gli strati di sfoglia ritagliate la pasta in eccesso e arrotolate il bordo a formare un cordoncino (8).

    Praticate con il coltello un piccolo taglio al centro della torta pasqualina, forando tutti gli strati della sfoglia superiori, per permettere al vapore che si svilupperà in cottura di fuoriuscire.

    Infornate la torta pasqualina a 180° per circa 50 minuti, finchè risulterà ben dorata e croccante (9).

    Servitela tiepida oppure fredda.

Conservazione

La torta pasqualina si conserva perfettamente in frigorifero per un paio di giorni, per farla ritornare croccante e fragrante sarà sufficiente riscaldarla in forno a 200° C per circa 10 minuti.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.