Paste di Meliga (ricetta originale piemontese)

Le paste di meliga sono dei deliziosi biscotti della cucina tradizionale piemontese. La meliga in dialetto piemontese è infatti il granoturco, e questa ricetta è citata da Giovanni Vialardi nel suo ricettario del 1854.

Il granoturco, che si racconta sia stato diffuso in Piemonte all’epoca delle grandi carestie del XVI secolo da San Carlo Borromeo, ha rapidamente avuto diffusione e popolarità, ed è stato utilizzato non soltanto per la polenta, ma anche per i dolci, uso che dura tuttora. La farina utilizzata in questo caso è il tipo denominato “fioretto”, cioè farina gialla finissima, possibilmente macinata di fresco.

La ricetta che vi propongo è quella originale del 1854, chiamate dal Vialardi “Michette frolle di pasta di meliga alla piemontese”; si tratta di biscotti friabilissimi, che hanno una preparazione simile a quella della frolla montata. Sono perfetti con il tè, ma anche da sgranocchiare a fine pasto accompagnati da un buon vino passito.

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 90 pezzi circa
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 400 g Farina di mais fioretto
  • 300 g Burro
  • 200 g Zucchero
  • 4 Uova
  • q.b. Buccia di limone grattugiata

Preparazione

  1. Per preparare le paste di meliga mescolate la farina di mais fioretto (che deve essere setacciata), con il burro morbido (la consistenza deve essere quella cosiddetta “pomata”), lo zucchero, i rossi di tre uova che avrete preventivamente fatto rassodare, e l’uovo intero. Aromatizzate con un pò di buccia di limone grattugiata e impastate fino ad ottenere un impasto morbido.

    Riempite con il composto una sac a poche con bocchetta rigata e formate delle ciambelline (michette, come le chiama Vialardi) su una teglia rivestita di carta forno. Questa operazione richiede un pò di abilità nell’uso della sac a poche, in alternativa potete utilizzare una sparabiscotti, anche se la forma non sarà quella tradizionale.

    Cuocete le paste di meliga in forno a 175° C per circa 15/16 minuti, non devono scurire troppo, ma devono rimanere di un bel giallo vivo con i bordi appena più colorati.

    Una volta freddi potete conservarli in una scatola per biscotti: il giorno dopo sono ancora più buoni!!!

Note

4,4 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.