Gnocchi al ragù

Gli gnocchi sono una preparazione diffusa in tutto il mondo, anche se da un paese all’altro cambiano gli ingredienti e la forma. Si tratta di un cibo antichissimo (vengono descritti nei ricettari già a partire dalla metà del 1700), preparato con farine differenti: farina di frumento, di riso, di semola, con patate, pane secco, tuberi o verdure varie. In Italia quelli più conosciuti e diffusi sono gli gnocchi di patate; sono molto semplici da fare, ma perchè risultino morbidi al punto giusto occorre prestare attenzione ad alcuni particolari. Anzitutto occorre scegliere le patate giuste (le migliori sono quelle a pasta gialla di Avezzano), poi nella preparazione bisogna avere l’accortezza di impastarli il meno possibile, per evitare che assorbano troppa farina; infine anche la pezzatura è importante, se non sono abbastanza grandi non risulteranno morbidi. In questa ricetta ho condito gli gnocchi con un classico ragù di carne. Una curiosità: la parola ragù deriva dal francese ragoût, da ragoûter, cioè “risvegliare l’appetito”, e originariamente indicava dei piatti di carne stufata con abbondante condimento che era usato per accompagnare altre pietanze: in Italia, divenne l’accompagnamento tradizionale per la pasta nei giorni di festa.

  • DifficoltàMedio
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura2 Ore
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per gli gnocchi

  • 1 kgPatate
  • 250 gFarina
  • q.b.Sale

Per il ragù

  • 250 gCarne bovina tritata
  • 150 gSalsiccia
  • 1Carota
  • 1Cipolla
  • 1 costaSedano
  • 1 lPassata di pomodoro
  • q.b.Vino rosso
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • 1 pizzicoNoce moscata

Preparazione

  1. Per preparare gli gnocchi anzitutto mettete a bollire in abbondante acqua fredda le patate con la buccia. Dal bollore fatele cuocere 20-30 minuti, finchè infilzandole con una forchetta risulteranno tenere.

    Nel frattempo preparate un battuto con sedano, carota e cipolla e fatelo soffriggere con un filo d’olio (meglio se in un tegame di coccio). Quando le verdure sono rosolate aggiungete la carne e la salsiccia sbriciolata e fate rosolare anche questa. Salate e condite con un pizzico di noce moscata macinata al momento, bagnate con mezzo bicchiere di vino rosso e lasciate evaporare. Aggiungete la salsa di pomodoro, regolate di sale e fate cuocere, a fuoco lento e pentola coperta, per almeno un paio d’ore (il ragù è il classico sugo che più cuoce più viene buono).

    Quando le patate sono cotte pelatele e schiacciatele finchè sono ancora calde con l’apposito schiacciapatate sulla spianatoia infarinata. Aggiungete la farina, un pizzico di sale e iniziate ad impastare fino ad ottenere un composto morbido, ma compatto. Fate attenzione a non aggiungere troppa farina, altrimenti gli gnocchi risulteranno duri o gommosi. La proporzione ideale tra patate e farina è quella dove non si supera il 30% di farina (cioè max 300 g di farina per ogni kg di patate). A questo punto lasciate raffreddare un pò l’impasto quindi ricavate dei cordoncini grossi come un dito e tagliateli a tocchetti di circa 2,5 cm di lunghezza. Passate ogni tocchetto sui rebbi di una forchetta o sull’apposito rigagnocchi, schiacciandoli delicatamente con il pollice. Quando tutti gli gnocchi sono pronti tuffateli pochi per volta in abbondante acqua bollente salata; gli gnocchi sono cotti appena vengono a galla, quindi scolateli con una schiumarola e metteteli in un piatto da portata, dove li condirete con il ragù.

Note

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.