Ricetta: Pupu cu l’ova

Ricetta: u pupu cu l'uovu

Ricetta: Pupu cu l’ova, pupo con l’uovo o “Cuddura” è un dolce tipico della tradizione siciliana, legato alla Pasqua. Sono dei biscotti di pasta frolla ricoperti di glassa di zucchero, confettini colorati e un uovo sodo posizionato al centro, ricoperto tutto o solo in parte dalla pasta. La ricetta: pupu cu l’ova è un dolce di origine povera, che assume varie forme, la forma classica è la colomba, poi c’è la forma a borsetta, la campana ecc. Un dolce di origine contadina che si preparava nel periodo di Pasqua, come dono, soprattutto per i bambini. Questa ricetta cambia nome a seconda di dove viene preparato. La sua particolarità è l’uovo sodo che viene posto all’interno del pupo, nel Palermitano si chiama proprio Pupu cu l’ova. A Catania si chiama cuddura cu l’ova, nel Trapanese si chiama invece “u campanaru”. Nel Ragusano dove vivo, il pupu cu l’ova lascia il posto alla  Palummedda . La palummedda o pupu cu l’ova, anticamente veniva fatta con i residui della pasta di pane che avanzava, durante l’infornata di pane di casa e aveva all’interno l’uovo sodo.

Leggi la storia del Pupu cu L’ova QUI
Ricetta: pupu cu l'ova
  • DifficoltàMedio
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni5
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina
  • 150 gZucchero
  • 2Uova
  • 125 gStrutto
  • 5 gAmmoniaca per dolci
  • 1 bustinalievito per dolci
  • 1 bustinaessenza di vanillina
  • 2 cucchiaidi latte

Decorazione

  • 5Uova sode
  • 1Uovo (per spennellare)
  • q.b.Confettini colorati
  • Chicci di caffe (per gli occhi)

Strumenti per la preparazione del pupo cu l’ova

Prima di procedere alla realizzazione del PUPU CU L’OVA decidete la forma che volete realizzare, se la colomba, il cestino, la borsetta la campana ecc. Se pensate di non riuscire a realizzarla a mano libera, disegnate in anticipo la forma magari su un foglio di carta da forno.
  • 1 Formina disegnate a mano la forma che desiderate
  • 1 Coltello
  • 1 Carta forno
  • 1 Teglia
  • 1 Setaccio
  • 1 Mattarello

Preparazione

Prima di iniziare a preparare la ricetta . u pupu cu l’ova, preparate le forme che volete realizzare, io ho scelto la colomba simbolo della Pasqua e l’ho disegnata sulla carta da forno.
  1. Versate sulla spianatoia la farina. Aggiungete lo zucchero e lo strutto a temperatura ambiente e lavorate con le mani per amalgamare tutti gli ingredienti.

    In una tazza versate il latte, a temperatura ambiente e scioglietevi il lievito mescolando delicatamente con un cucchiaio.

  2. Ricetta: pupu cu l'uovu, cestino

    Disponete la farina a fontana, rompetevi le uova al centro e battetele con una forchetta, fino ad incorporarle all’impasto.

    Versate il latte, la vanillina e l’ammoniaca e impastate fino ad ottenere una massa non troppo morbida.

    Se l’impasto dovesse risultare eccessivamente duro aggiungete un poco d’acqua.

    Amalgamato bene l’impasto, formate una palla e copritela con della pellicola trasparente. Mettetela a riposare, in frigorifero per almeno 60 minuti.

  3. In una pentola piena d’acqua mettete a bollire le uova che dovranno risultare sode (ricordatevi che saranno pronte dopo 7 minuti, a partire dal bollore). Appena cotte mettetele in acqua fredda per circa 10 minuti, sgusciatele e mettetele da parte.

  4. Ricetta: pupu cu l'ova

    Prendete la pasta e fate delle palline di circa 100 grammi. Trasferitele su un piano infarinato e con l’aiuto di un mattarello stendetela con uno spessore di circa 1/2 cm. Con un apposito stampo o disegnando la colomba o le altre forme che desiderate, panierino, cuori, colombe, bamboline ritagliate con l’aiuto della punta di un coltello, la forma che volete. 

  5. ricetta: pupu cu l'ova

    Adagiatevi l’uovo sodo al centro. Ritagliate delle striscioline di pasta con il taglia pasta o con il coltello che vi serviranno per fermare l’uovo sodo.

  6. ricetta:  pupu cu l'ova

    Fermate, l’uovo con i ritagli di pasta disposti a croce del diametro di 1 cm circa..

  7. ricetta: pupu cu l'ova

    Spennellate con dell’uovo appena battuto, i vostri pupi e decorateli con i confettini colorati. Per l’occhio della colomba ho utilizzato un chicco di caffè. Procedete con le altre forme.

    Foderate una teglia da forno con della carta da forno ed adagiatevi sopra i pupi cu luovu o le vostre forme scelte.

    Infornate a 180° per 25-30 minuti.

  8. Ricetta: pupu cu l'uovu

    Una volta cotto l’uovo co pupu fatelo raffreddare mettendo su un ripiano. Consumateli freddi. Buon appetito, Barbara

  9. Ricetta: pupu cu l'uovu, cestino

Consigli

Consumate il vostro pupu cu l’uovu freddo, è buono anche il giorno dopo. Conservatelo in frigorifero dopo il secondo giorno.

Vedi anche i dolci di pasqua della tradizione Iblea :cassate di ricotta pasquali al forno

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Fantasia in Cucina

La mia passione per la cucina e il buon cibo è nata grazie al mio lavoro e ai miei viaggi. Ho iniziato sin da piccola a raccogliere le ricette di tutto ciò che mi piaceva mangiare e ad appuntarlo su una agenda. Con il passare degli anni è cresciuta in me la passione per la cucina e la tradizione enogastronomica del territorio ibleo. Il mio vuole essere un blog che non è un semplice sito di ricette, ma anche un viaggio della memoria, della cultura di un popolo, quello degli abitanti dei Monti Iblei, in Sicilia, luogo d’incontro tra le province di Ragusa, Siracusa e Catania. Dietro ogni ricetta c'è una storia, talvolta di una famiglia, di un incontro o di un viaggio. Il mio intento è quello di svelare, conservare e di tramandare attraverso le mie ricette l’anima, i saperi, le tradizioni, le passioni e la storia di un popolo. Cucino, fotografo mangio e posto. Mi piace anche consigliare ai miei amici oltre alle ricette sfiziose anche dove mangiare nei locali caratteristici dove andare a mangiare in Sicilia. Se vi va seguitemi, siete i benvenuti. Barbara

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.