Frittata di pasta

Si dice sia un piatto originario di Napoli, nato con lo scopo di consumare la pasta avanzata per evitare sprechi. In realtà a casa mia, in Calabria, la frittata di pasta l’ho sempre mangiata, pur non avendo in famiglia nessun partenopeo, anzi prima di leggere su Wikipedia ero convinta che fosse una pietanza tipica della mia città 😀. 

In ogni caso direi che è così buona che ritengo limitativo considerarla solo una ricetta di recupero.

Fermo restando lo scopo originario, ormai credo un po’ in disuso, oggi la si prepara anche “espressa”, appositamente, per il solo piacere di gustarla (questo è il mio caso). Si rivela comoda, inoltre, in tantissime altre occasioni come una  gita fuori porta, un pic-nic o per un pranzo veloce sotto l’ombrellone ed ancora, come merenda durante un viaggio o da portare in ufficio.  

In chiave ancora più moderna può essere utilizzata in occasione di una festa o un aperitivo con amici realizzandone dei gustosissimi finger food.

E’ una pietanza che può essere realizzata con qualsiasi formato di pasta e, a parte le uova che per ovvie ragioni non possono mancare, potete condirla come più vi piace, con il sugo al pomodoro oppure con un condimento in bianco. 

Per tutte queste ragioni, di seguito troverete gli ingredienti base per avere un’idea dei quantitativi da utilizzare ed il procedimento per la realizzazione di una frittata di pasta tout court, dopo di che potrete personalizzarla a vostro piacimento.

Vediamo quindi come l’ho realizzata io 

  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

g pasta (io ho utilizzato gli spaghetti)
5 uova
g pecorino (grattugiato)
g sugo di pomodoro
1 cucchiaio olio extravergine d’oliva
sale e pepe q.b.

Procedimento

Nel frattempo che la pasta cuoce in una ciotola capiente che dovrà contenere anche la pasta, sbattete le uova con sale e pepe.

Scolate la pasta al dente, poiché durante la realizzazione della frittata continuerà la cottura e rimettetela nella sua pentola. 

Condite la pasta con il “sughetto” di pomodoro e con il formaggio amalgamando bene il tutto.

A questo punto versatela nella ciotola contenente le uova continuando a mescolare. 

Prendere un  padella larga ed antiaderente, versarvi un filo di olio e.v.o., metterla sul fuoco ed appena quest’ultimo si sarà scaldato, trasferirvi il composto cercando di distribuirlo uniformemente. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere per almeno 10-15 minuti a fuoco lento facendo attenzione che non bruci o si attacchi al forno della padella.

Qui arriva il momento più difficile e delicato! 

E si, poiché se è vero che le frittate sono, generalmente, veloci  e semplici da realizzare, è altrettanto vero che bisogna fare molta attenzione nel momento di girarle.

Innanzi tutto dovete girarla solo quando si sarà completamente rappresa, evitando in questo modo scomode fuoriuscite. Vi suggerisco di non utilizzare il coperchio in quanto la frittata di pasta, al contrario di quella composta di sole uova è abbastanza pesante per cui è preferibile utilizzare un piatto di diametro maggiore rispetto a quello della padella.

A questo punto scuotete energicamente la padella per assicurarvi che la frittata sia ben staccata dal fondo, posizionatevi sopra il piatto capovolto e, con una mano ben ferma sul fondo del piatto, senza indugio capovolgete il tutto. Rimettete la padella sul fornello e delicatamente fatevi scivolare la frittata. 

Fate cuocere per altri 5 minuti circa, spegnete il fornello e lasciate intiepidire prima di servire.

Suggerimento

Il giorno dopo è ancora più buona 😜

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.