In cucina con Emanuela: gli spinaci

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

     

     

     

     

    Debutto oggi con una nuova rubrica… Sempre con molta umiltà, vi propongo come cucinare alcuni elementi base della cucina italiana ( per ora) e come trattarli per ottenere al meglio le loro proprietà organolettiche…

  • Partiamo con gli spinaci.
  • Buona lettura….
  • Gli spinaci possono essere consumati lessati, cotti al vapore o crudi in insalata ( lo spinacino è quello più adatto per quest’uso).
  • Il modo di preservare al meglio i loro valori nutrizionali è di consumarli crudi o cotti al vapore.
  • Il metodo però più alla portata di tutti è lessarli.
  • Tuffateli in acqua salata per 8-10 minuti.
  • Non coprire la pentola per non farli scurire.
  • Una volta scolati, se possibile, immergeteli in acqua fredda con cubetti di ghiaccio. Servirà a far mantenere alle foglie un bel colore verde brillante.
  • Leggenda vuole che gli spinaci siano tra gli ortaggi più ricchi di ferro, anche se non facilmente assimilabile. In parte si può risolvere questo problema consumandolo con del succo di limone: la vitamina C aiuta l’ assorbimento del ferro.
  • Al momento dell’acquisto preferite spinaci con foglie integre e  più pulite possibile.
  • Prima di consumarli o cuocerli, togliete le radici e lavateli delicatamente sotto acqua corrente.
  • Se li utilizzate subito potete seguire le mie indicazioni per la cottura, altrimenti conservateli in frigo per non più di 48 ore.
  • Se volete congelarli, dopo la cottura, strizzateli per bene e sistemate li in sacchetti o contenitori per il congelatore. Avrete così la vostra scorta di spinaci….
  • un suggerimento per….
  • https://blog.giallozafferano.it/emanu74/risotto-agli-spinaci/
  • https://blog.giallozafferano.it/emanu74/frittata-forno-spinaci-stracchino/
  • https://blog.giallozafferano.it/emanu74/cannelloni-ricotta-spinaci/

 

256 Visite totali, 1 visite odierne

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Patate Hasselback Successivo Minestra con patate e macinato