Spaghetti alla bottarga di muggine

Gli spaghetti alla bottarga di muggine sono un primo piatto tipico della tradizione sarda, nonché una ricetta rapida e assai gustosa.

La bottarga è un prodotto tipico della Sardegna, è ricavata dalle uova  di muggine, che vengono salate, essiccate e lasciate stagionare per qualche tempo. La bottarga ha un’origine antichissima, era infatti una preziosa merce di scambio in tutto il mediterraneo fin dai tempi dei Fenici e poi dei Romani, che ne consumavano grandi quantità.

spaghetti alla bottarga
  • Preparazione: 5 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Spaghetti N°5 180 g
  • aglio 2 spicchi
  • Bottarga di muggine (grattugiata) q.b.
  • Olio di semi di mais q.b.

Preparazione

  1. La preparazione degli spaghetti alla bottarga è molto semplice, ma per la buona riuscita del piatto sono fondamentali alcuni piccoli accorgimenti.

  2. Premetto che la ricetta prevede l’olio d’oliva, ma io (gusto personale, quindi perfettamente opinabile) preferisco utilizzare l’olio di mais perché la bottarga ha un gusto particolare che con la nota acidula dell’olio d’oliva cambia leggermente, mentre l’olio di mais più neutro lascia il sapore della bottarga inalterato. Ripeto, è puro gusto personale. Ho fatto esperimenti con tanti tipi di olio, ma il risultato che mi ha dato più soddisfazioni è questo.

  3. Mentre l’acqua per la pasta scalda in pentola, faccio imbiondire l’aglio in abbondante olio di semi (ripeto, non uso qui l’olio d’oliva perché a mio avviso il suo sapore forte tende a coprire quello della bottarga). L’olio dev’essere sufficiente per condire tutta la pasta, meglio abbondare perché aggiungere olio in seguito se manca fa perdere un po’ di sapore al piatto.

  4. L’aglio deve colorirsi appena, poi spengo subito il fuoco e aspetto che raffreddi.

  5. Quando l’olio è sceso un po’ di temperatura tolgo gli spicchi d’aglio e aggiungo un cucchiaio di bottarga. Non deve sfrigolare, sennò vuol dire che l’olio è ancora troppo caldo e cuoce la bottarga, cosa che non deve accadere.

  6. Scolo la pasta e la pongo in un piatto da portata. Importante: non si condisce nella pentola! Lo spaghetto condito nella pentola ancora calda per la cottura si asciugherebbe perdendo tutta la sua umidità, essendo il condimento fatto di solo olio senza una parte umida. Quindi la pasta tenderebbe a incollarsi e la consistenza al palato e la presentazione del piatto ne risentirebbero.

  7. A questo punto condisco gli spaghetti versando sopra l’olio che nel frattempo ha assunto tutto l’aroma della bottarga, e mescolo bene. Spolvero sopra un altro cucchiaio di bottarga. A questo punto posso impiattare, ricordando comunque di portare in tavola la restante bottarga grattugiata che i commensali possono aggiungere a piacimento.

Note

Una buona notizia per chi è intollerante al glutine: questa ricetta (utilizzando l’olio di mais) è ottima per condire le fettuccine di mais: provata e stra-approvata!

Se ti è piaciuta questa ricetta, sicuramente adorerai anche quest’altra: spaghetti ai ricci di mare. Vai a leggere la ricetta!

Precedente Brodo vegetale in pentola a pressione Successivo Barrette al sesamo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.