Esperimenti di pane Dukan 2: il pane proteico

Ho preparato il pane proteico, un pane adatto a chi come me segue una dieta proteica come la Dukan… Inizio questo post col dire che, a meno che non trovi un’alternativa più rapida, non lo rifarò: è troppo impegnativo per me. Però che spettacolo! La ricetta è presa da qui: Pane di Cri-Cri con alcune mie modifiche.



Pane proteico
Ingredienti:

500 gr di farina manitoba
300 ml di acqua
1 bustina di lievito di birra liofilizzato
pochissimo latte scremato + 1 cucchiaino raso di zucchero (serve per il lievito)
1 presa di sale
40 gr di maizena
4 cucchiai di crusca d’avena (nella ricetta originale non c’era, ma poiché io ho dimezzato le dosi ho preferito aumentare un po’ l’impasto per riuscire ad avere una quantità di pane sufficiente per due persone…)


Il procedimento è lungo e un po’ laborioso, perchè la farina manitoba va lavata fino a farle perdere tutto l’amido, in modo da lasciare solo la parte proteica composta di glutine. Il procedimento è lo stesso che si usa per fare il seitan.

Ho preso la farina e l’acqua e ho formato un impasto che ho lasciato a riposare per un’ora.

Ho messo l’impasto sotto l’acqua corrente (con uno scolapasta sul fondo del lavello per no perdere pezzi per strada!), l’ho sciacquato per bene strizzandolo e impastandolo con le dita finchè l’amido (bianco e lattiginoso) non è scomparso del tutto, lasciando l’acqua trasparente. Occorrono almeno 20 minuti per cui bisogna armarsi di pazienza!

Il risultato è un panetto elastico e gommoso grande circa la metà (o meno) di quello originario.

Ho sciolto il lievito in poco latte tiepido con un cucchiaino di zucchero e l’ho aggiunto al glutine insieme al sale, la maizena e la crusca. Ho impastato per 10 minuti abbondanti per amalgamare tutti gli ingredienti, infarinato con un po’ di maizena e messo in un posto caldo a lievitare per un’ora.

Il composto dopo un’ora ha raddoppiato di volume: l’ho diviso in quattro panetti e rimesso a lievitare per un’altra mezz’ora.

Alla fine ho infornato a 200° per mezz’ora, dal forno usciva un profumo di pane incredibile!

Pane proteico1

 

EDIT: Ho trovato un modo per  fare un pane praticamente identico a questo evitando la faticaccia di lavare la farina manitoba, utilizzando la farina di glutine, quella che si usa per fare il seitan! La ricetta si trova in questo altro POST

Precedente Brunch domenicale Successivo Scaloppine ai funghi porcini

13 commenti su “Esperimenti di pane Dukan 2: il pane proteico

    • Ciao Sabina, per capire quanto ne puoi mangiare devi calcolare quanta crusca e/o quanti tollerati ci sono in ogni ricetta. In questo caso ci sono 40 gr di maizena che sono 2 tollerati, e 4 cucchiai di crusca. In crociera puoi mangiare 2 cucchiai di crusca al giorno, quindi questa ricetta è per due dosi giornaliere (nella stessa giornata puoi consumare un altro tollerato, dato che in crociera i tollerati sono due). In attacco la maizena non è concessa, quindi o fai la ricetta senza (il pane ti verrà un po’ più gommoso), ricordandoti di calcolare le dosi per 1,5 cucchiai di crusca, oppure attendi… l’attacco non è poi così lungo!!!
      Spero di essere stata utile!

      • sabina il said:

        Grazie,sei stata davvero gentile.Ho provato a fare il pane seguendo la ricetta originale di cri-cri,ma mi è venuto una schifezza,direi da buttare.Fino al lavaggio,tutto bene:poi mi è rimasto molto bagnato per cui ho evitato di scigliere il lievito in altra acqua e ho usato quella che usciva dal panetto e si è unito bene al composto.Il problema è sorto con la maizena.Non avendola,l’ho sostituita con la fecola,ma non credo sia la stessa cosa.Non riuscivo ad impastare perchè la farina si univa tutta a grumi e non veniva assorbita dall’impasto.Risultato:zero lievitazione e impasto sempre molliccio.Non so come recuperarlo..o meglio buttare tutto..ciao e grazie mille

        • No la fecola non va bene, ma anche l’acqua che cola dall’impasto… devi strizzarlo bene prima di amalgamare gli altri ingredienti, e poi armarti di pazienza perché si incorporano molto lentamente, il glutine infatti è molto elastico e resistente, forma una rete di fili che bisogna lavorare a lungo.
          Ecco perchè nel post ho scritto che non l’avrei più fatto! Taaaaanto lavoro!!! 🙂

  1. mary il said:

    ma perché nella dukan si può la farina di manitoba??????????????????? io sapevo che tutte le farine erano bandite. sono cmq in fase crociera.

    • Ciao Mary, in effetti la farina manitoba in sé non si puó utilizzare, il procedimento del lavaggio però elimina dalla farina tutto l’amido lasciando solo il glutine che é la parte proteica. É Comunque un processo lungo e laborioso, e i coach dukan lo sconsigliano in quanto non si ha la sicurezza di aver lavato via proprio tutto. per questi motivi ho provato a preparare un altro pane che é quello di glutine, che é pressoché uguale a questo ma più veloce e sicuro, in quanto il glutine giá pronto é pura proteina. Anche questa ricetta la trovi qui nel blog!
      https://blog.giallozafferano.it/elfapasticciona/esperimenti-di-pane-dukan-3-il-pane-di-glutine/

  2. Andrea il said:

    Io ho usato il glutine in polvere al posto della farina manitoba circa 300g (si evita il lavaggio) poi il tutto nella macchina del pane, il risultato è eccellente. La farina la si può trovare nei negozi natura sì o online sul sito tibiona

  3. Elena il said:

    Ciao Sara…se può esserti utile io faccio il “pane” così…
    Metto 320gr (la bustina intera) di farina di seitan (ci aggiungo a piacimento o del rosmarino tagliuzzato fino o un pò di Novosal o qlsiasi altra spezia..) e in un contenitore sciolgo 400ml di latte granarolo 0,1% di grassi opp 200ml di latte e 200ml d’ acqua (ma con il latte viene + buono :-)) con 1 panetto e 1/2 di lievito o una bustina di lievito in polvere Mastrofornaio. Amalgamo il tutto velocemente con una forchetta perchè “si appiccica tutto alle dita..” e faccio lievitare x almeno 1h…poi inforno a 180° x 45min..
    Non è meraviglioso ma in dieta diventa super-fantastico!!! ahahahahahah.. ciao ciao

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.