Capesante gratinate al limone

Le capesante gratinate al limone sono un antipasto di mare originale e gradevole alla vista, grazie al guscio particolare di questi molluschi, che può anche essere conservato e utilizzato come un piattino per creare piccole sfiziosità.

capesante gratinate al limone
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Alto

Ingredienti

  • Capesante 8
  • Pangrattato 4 cucchiai
  • parmigiano grattugiato 2 cucchiai
  • limone 1
  • prezzemolo 1 ciuffo
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

  1. Ho mescolato il parmigiano grattugiato con il pangrattato, ho aggiunto una presa di sale, la scorza di limone grattuggiata e un paio di cucchiai di olio, ho mescolato il tutto fino a formare un impasto con cui ho ricoperto le capesante che ho lasciato all’interno della loro valva.

  2. Le capesante che ho utilizzato erano surgelate e già pulite, ma l’ideale sarebbe prenderle fresche e pulirle al momento, liberando il muscolo bianco, detto noce e la mezzaluna color giallo arancio, il corallo, dalla pelle che li avvolge, staccandole dalla valva delicatamente ed eliminando le parti marroncine piene di sabbia.

  3. Ho disposto le capesante ricoperte dalla panatura in una teglia e le ho irrorate con un poco dell’acqua delle capesante stesse e qualche goccia di succo di limone.

  4. Ho infornato le capesante al limone in forno preriscaldato a 180° finché hanno formato una crosticina dorata, le capesante impiegano pochissimo a cuocere, massimo 10 / 15 minuti o iniziano a seccarsi.

Note

La ricetta è semplicissima da riprodurre, le capesante sono un poco costose ma ogni tanto ci si può concedere uno sfizio! Le capesante gratinate al limone possono essere servite come antipasto o come secondo piatto, la buccia di limone grattugiata dà loro un profumo invitante, e fanno sempre una gran figura in ogni pranzo o buffet!

Se ti è piaciuta la mia ricetta, metti un like e seguimi anche sulla pagina facebook: Sara, elfa pasticciona

Precedente Polpettone con l'uovo al cartoccio Successivo Gingerbread man, omino di pan di zenzero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.