Pucce alle olive

Il primo ricordo che ho della Puglia è il pane con le olive che mi portava mio zio  quando tornava dalle vacanze nella sua terra d’origine.

Non ho mai trovato da noi un pane così , con l’impasto bianco bianco e tante piccole olive extra saporite.

Da poco ho scoperto che questo pane si chiama puccia ed è Tipico del Salento. E’ preparato esclusivamente con farina di semola di grano duro e normalmente viene cotto nei forni a legna.

La mia è una versione casalinga ma ci sono andata abbastanza vicino.

INGREDIENTI  (per circa sei pucce)

  • 500 gr di farina di semola di grano duro
  • mezzo bicchiere di olio e.v.o. di ottima qualità
  • 10 gr. di lievito di birra
  • 200 gr. di olive leccine  con nocciolo
  • sale
  • acqua q.b.

PROCEDIMENTO

Nella planetaria mettete la farina, il lievito sbriciolato e l’olio. Iniziate ad impastare aggiungendo l’acqua a filo. Per ultimo unite il sale.

L’impasto deve risultare elastico e di consistenza simile a quello della pizza.

Coprite lasciate lievitare in luogo tiepido per almeno due ore.

Quando l’impasto avrà raddoppiato di volume, unite le olive ed reimpastate velocemente.

Formate delle pagnottelle di circa 10-15 cm. e lasciatele lievitare di nuovo per un’ora sulla teglia del forno.

Scaldate il forno a 250°  o alla temperatura massima. Io ho usato  la funzione cottura a vapore per i primi 15 minuti.

Prima di infornare, spolverate le pucce con farina di semola e cuocetele per circa 35 minuti.

 

  • Preparazione: 15 più il tempo di lievitazione Minuti
  • Cottura: 35-40 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 6 pezzi
  • Costo: Economico

Note

/ 5
Grazie per aver votato!
Pizze e focacce

Informazioni su Elena food2share

Ciao a tutti. Una piccola presentazione e' d'obbligo. Sono Elena, vivo in Friuli Venezia Giulia, non sono una chef ma solamente una persona a cui piace cucinare piatti facili e soprattutto che appaghino l'anima e lo spirito. Ho avuto la fortuna di viaggiare molto, principalmente in Asia, e cosi ho potuto conoscere, scoprire ed utilizzare tanti ingredienti che forse al pubblico italiano sono ancora sconosciuti. Questo è il mio mio viaggio quotidiano nella cucina che spero di poter condividere con tutti voi. Il cibo è condivisione, la condivisione è una bellissima forma di umanità ed amicizia. Lasciate pure i vostri commenti, BUON APPETITO

Precedente Polpo alla Luciana Successivo Frittura di cepola con mayonese alla curcuma e timo

Lascia un commento