I galani di venezia

I galani di Venezia. Sono i dolci dai 100 nomi: crostoli, cenci, chiacchere, bugie, frappe, nastri e chi più ne ha più ne metta………..ogni regione ha il suo e ogni regione ne rivendica la paternità; ma i crostoli o galani che dir si voglia, pare siano nati proprio a Venezia con il carnevale e assieme alle frittelle accompagnano questo allegro periodo in maschera.

Galani 2019 - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    6 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 250-300 g farina 00
  • 2 uova
  • 2-3 cucchiai zucchero
  • 50 g burro
  • 1 pizzico bicarbonato
  • 2 bustine vanillina
  • 1 pizzico sale
  • 1 bicchierino grappa
  • 1 pizzico buccia grattugiata di limone
  • q.b. olio di semi di arachide
  • q.b. zucchero a velo

Preparazione

  1. I galani di Venezia.

    Disporre 250 gr. di farina a fontana e mettervi nel centro le uova, lo zucchero, il burro sciolto e raffreddato, il sale, la vanillina, la buccia di limone, la grappa e il bicarbonato. Impastare fino ad ottenere una pasta morbida, aggiungendo, se necessario, altra farina.

    Far riposare l’impasto, per almeno un’ora, a temperatura ambiente (se riposa un po’ di più è meglio)

    Stendere la pasta sottilissima (io lo faccio con la macchina della pasta) e ritagliare, con una rotella tagliapasta, delle losanghe. Fare un taglietto al centro di ogni losanga e friggerle molto velocemente in olio caldo. Far scolare l’unto in eccesso su carta assorbente e cospargere con zucchero a velo.

    Buon Carnevale!!!

  2. Galani - Così cucino io

Ancora un consiglio….

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook COSI’ CUCINO IO

Precedente Coniglio in salmì (ricetta rivisitata) Successivo Pane di segale

12 commenti su “I galani di venezia

  1. @ Le Rocher: grazie mille. Sai, è la ricetta della mia nonna!
    @ Sogni in cucina: Eh si, in ogni regione hanno un nome diverso! L’aroma cambia, ma il gusto è sempre meraviglioso!

  2. nilda romanelli ceruti "chichita" il said:

    sono molto felice dopo tanti anni de reincontrarmi con il galani ,que la cuoca nostra quando era bambina, facheva per tuti le cuggini a la tarde ,per prendere il thé en ” la estancia “del zio de la mia mamma, “La Elina”, en la Provincia de Buenos Aires, Argentina .Grazie!

  3. Chichita, mi fa molto piacere risvegliare piacevoli ricordi con le mie ricette. La ricetta dei galani mi è particolarmente cara, era la ricetta della mia nonna! Passa ancora a trovarmi, buona serata!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.