Crea sito

Pagnottina alle olive

Pagnottina alle olive.
Faccio spesso il pane con le olive…. Ogni volta cambio impasto, cambio farina, a volte lo faccio con il lievito madre, altre volte con lievito di birra fresco o liofilizzato. Oggi ho fatto l’impasto con tre farine diverse, olio extravergine di oliva e olive verdi. Profumo intenso, crosta sottile e croccante, interno morbidoso…….Ve lo racconto…..

Pagnottina alle olive - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 + tempo di lievitazione minuti
  • Cottura:
    40-45 minuti
  • Porzioni:
    10-12 fette
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 200 g farina 00
  • 200 g farina manitoba
  • 100 g semola di grano duro
  • 300 g acqua (temperatura ambiente)
  • 150-200 g olive verdi (denocciolate)
  • 1 cucchiaino lievito di birra (liofilizzato)
  • 1 cucchiaino malto (o miele)
  • 1 cucchiaino sale
  • 1 cucchiaio olio extravergine di oliva (abbondante)

Preparazione

  1. Pagnottina alle olive.

    Mescolare le farine, il lievito e il malto, metterle nella ciotola della planetaria e impastarle con l’acqua (aggiungendola a poco a poco), l’olio e, alla fine, il sale. Aggiungere anche le olive spezzettate grossolanamente ed impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo che si stacca facilmente dalle pareti.

    Mettere l’impasto in una ciotola unta d’olio, coprire con pellicola e far lievitare al caldo e lontano da correnti d’aria, per 2-3 ore (raddoppio del volume).

    Riprendere la pasta e, con molta delicatezza, formare una pagnotta rigirandola più volte tra le mani, tenendola appoggiata alla superficie di lavoro (pirlatura).

    Portare il forno a 220° e inserire sul fondo un recipiente pieno di acqua bollente.

    Eseguire dei tagli trasversali sulla superficie del pane, spennellarla con un’emulsione di acqua, olio evo e qualche grano di sale grosso e infornare.

    Abbassare subito la temperatura a 180° e cuocere per 35-40 minuti, spennellando ogni tanto con l’emulsione di acqua e olio.

    Buon appetito!

    NB: Volendo preparare il pane per il giorno dopo o per ottenere un pane più digeribile, dopo la prima lievitazione di 2 ore, mettere l’impasto in frigo, riprenderlo  l’indomani (dopo 10-12 o 18 ore), riportarlo a temperatura ambiente, formare la pagnottina, lasciar riposare mezz’ora e procedere come sopra per la cottura.

Consiglio del giorno…

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook Così cucino io.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.