Tagliolini al gransoporo (granciporro)

Tagliolini al grasoporo. Non è facile trovare al mercato il gransoporo nostrano, grosso granchio parente della più raffinata granceola, che vive sulle rocce dell’oceano atlantico, ma presente anche nel nostro mediterraneo e precisamente qui, nella laguna veneta.  Il gransoporo nostrano è più piccolo dei suoi parenti atlantici, ma ugualmente gustoso e le sue carni sono squisite sia come antipasto, condite con olio e limone, ma anche in guazzetto insaporite da un soffritto di aglio e prezzemolo, vino bianco e pomodoro….. Unica difficoltà: pulirlo e spolparlo…Oggi con questo guazzetto ho condito i tagliolini che ci hanno ben ripagato dal lavoro piuttosto lungo e impegnativo di estrarre la polpa dai crostacei….

Leggi anche:

Granciporro alla veneziana al profumo di lime

Linguine alla granceola

Granceola alla veneziana

Astice bollito olio e limone

Tagliolini al gransoporro - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1 ora
  • Cottura:
    20 + 20 minuti
  • Porzioni:
    2
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 3 granciporri nostrani
  • 1 foglia alloro
  • 1 spicchio aglio
  • q.b. olio extravergine di oliva
  • 1/2 bicchiere vino bianco secco
  • 1 pizzico sale
  • 1 pizzico pepe
  • 5-6 pomodori piccadilly
  • 1 cucchiaio conentrto di pomodoro
  • q.b. prezzemolo tritato

Preparazione

  1. Tagliolini al gransoporo - Così cucino io

    Lavare bene, sotto l’acqua corrente, i gransipori,  immergerli in acqua bollente salata e aromatizzata da una foglia di alloro e cuocerli per 15 minuti circa. Scolarli e farli raffreddare.
    Staccare, con una torsione, zampe e chele dai carapaci, dividere la parte superiore del carapace da quella inferiore facendo leva con un coltellino. Eliminare stomaco e branchie conservando la parte cremosa. Dividere l’addome in pezzi, rompere le chele e le zampette con le pinze ed estrarre la polpa a pezzi con l’aiuto delle apposite forchettine o di uno spiedino tenendo qualche chela e qualche zampetta intera per la presentazione del piatto.

    Scottare, pelare e tagliare a dadini i pomodori.

    Soffriggere dolcemente l’aglio in poco olio extravergine di oliva, aggiungere le chele del granchio intere, qualche zampetta, e la polpa.

    Sfumare con il vino bianco, unire i dadini di pomodoro fresco ed il concentrato, insaporire con sale e pepe e cuocere per 10 minuti circa. Completare con il prezzemolo tritato.

    Cuocere i tagliolini in acqua bollente, scolare la pasta e versarla nel guazzetto,  spadellare brevemente aggiungendo poca acqua di cottura e servire accompagnando ogni piatto da una chela intera e….

    Da leccarsi i baffi!

    Buon appetito!

Consiglio del giorno..

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook Così cucino io

 
Precedente Asparagi in tutti i modi....... Successivo Asparagi verdi e ovetti di quaglia in salsa mimosa

Lascia un commento