Pizza di kamut radicchio funghi e acciughe

Domani è Sabato…. non può mancare la pizza….. questa volta di kamut con radicchio tardivo, funghi e acciughe. Profumo di basilico alla fine e….buon appetito! Impasto preparato il giorno prima, lievitazione lenta in frigo, farcitura e……in forno!

Pizza di kamut radicchio acciughe e funghi - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    1/2 ora + tempo ore di lievitazione minuti
  • Cottura:
    7-8 minuti
  • Porzioni:
    2 pizze
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 350 g farina di kamut
  • 220 ml acqua a temperatura ambiente
  • 1 cucchiaino lievito di birra liofilizzato
  • 1 cucchiaino zucchero
  • 1 cucchiaino sale
  • 2 cucchiai olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico origano secco

farcitura

  • 3-4 cucchiai polpa di pomodoro
  • 3-4 Acciughe sott’olio
  • 100 g mozzarella vaccina
  • mezzo cespo radicchio rosso tardivo
  • qualche fungo sott’olio
  • 2-3 foglie basilico
  • 1 filo olio extravergine

Preparazione

  1. Pizza di kamut radicchio acciughe e funghi pronta per il forno

    Impastare, nella planetaria, la farina di kamut, il lievito, lo zucchero e l’acqua, versandone poca alla volta. Verso la fine aggiungere anche il sale sciolto nell’ultima parte di acqua.

    Quando l’impasto sarà elastico e bene incordato, estrarlo dall’impastatrice e metterlo a lievitare in una ciotola unta di olio e coperta per circa 2 ore.

    Fare all’impasto qualche piega di rinforzo e rimetterlo nella ciotola, coprire e far lievitare ancora per qualche ora (finchè raddoppia di volume).

    Tagliare a grossi pezzi la mozzarella e metterla in un colino a perdere l’acqua di vegetazione in frigorifero.
    Lavare e tagliare a pezzetti il radicchio tardivo.

    Dividere l’impasto in 2 e stenderlo delicatamente sulla teglia da pizza. Coprire la superficie con il pomodoro e la mozzarella.
    Insaporire con un pizzico di origano e infornare a 250° per 8-10 minuti.

    Sfornare la pizza, completare con il radicchio, qualche fungo sott’olio e un filo di olio extravergine di oliva.

    Servire immediatamente e….Buon appetito!

    NB: Per una riuscita migliore, preparare l’impasto il giorno prima e farlo lievitare in frigo per 12 o più ore, basterà riportarlo a temperatura ambiente per un’oretta circa, prima di procedere a stenderlo e alla farcitura.

Ancora un consiglio….

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook Così cucino io

 
Precedente Tortino di radicchio tardivo e ricotta Successivo Tortina yogurt e marmellata

Lascia un commento