Pandoro

Pandoro. Finalmente ce l’ho fatta! Seguendo la ricetta di Giallo Zafferano sono riuscita nel mio intento! Ho sfornato il mio primo pandoro e sono molto soddisfatta!  L’ho realizzato con poco lievito di birra, una lievitazione piuttosto lunga, ma ne è valsa la pena!

Leggi anche:

Panettone con lievito di birra

Panettone classico con lievito madre

Nadalin (progenitore del Pandoro)

Pandoro - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Alta
  • Preparazione:
    2 +20 circa di lievitazione ore
  • Cottura:
    circa 70 minuti
  • Porzioni:
    pandoro da 750 gr.
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Biga

  • 45 g manitoba
  • 30 g acqua
  • 5 g lievito di birra fresco

Primo impasto

  • 80 g biga
  • 90 g farina manitoba
  • 20 g zucchero
  • 1 uovo

Secondo impasto

  • 210 g farina manitoba
  • 90 g zucchero
  • 10 g miele di acacia
  • 2 uova
  • 1 tuorlo
  • 1 pizzico polvere di vaniglia bourbon
  • 1/2 limone
  • 1 cucchiaio rum
  • 125 g burro morbido (a pomata)
  • 1 pizzico sale

Preparazione

  1. Pandoro - Così cucino io

    Biga:

    Preparare la biga impastando farina + lievito + acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo. Formare una pallina, metterla in una ciotola, eseguire un taglio a croce sulla superficie, coprire con pellicola e far lievitare per 10-12 ore a temperatura ambiente. Io eseguo questa operazione verso sera in modo da far riposare la biga tutta la notte.

  2. Primo impasto:

    Mettere la biga nella planetaria dotata di gancio, aggiungere la farina manitoba, lo zucchero ed il lievito. Impastare a velocità media, aggiungere l’uovo e impastare finchè l’impasto sarà incordato attorno al gancio.

    Trasferire il composto sul piano infarinato e con l’aiuto del tarocco realizzare  qualche piega di rinforzo riportando i lembi laterali verso l’interno e ripiegandolo a libro. Creare una forma sferica (pirlatura) e mettere la palla su una ciotola (pieghe sotto), coprire con pellicola e far lievitare fino al raddoppio (forno spento, luce accesa) per circa 2 ore.

  3. Secondo impasto:
    Versare il primo impasto ormai lievitato nella planetaria, unire il miele, la polvere di vaniglia, la scorza del limone grattugiata (solo la parte gialla) e lo zucchero ed iniziare ad impastare. Aggiungere la farina setacciata con il sale (un cucchiaio alla volta) e alla fine le uova ed il tuorlo (uno alla volta aspettando che il precedente sia stato assorbito completamente). L’impasto dovrà incordare bene rimanendo elastico, ma molto idratato. A questo punto unire anche il burro morbido, un pezzetto alla volta, aggiungendo il successivo solo dopo l’assorbimento del precedente. Impastare ancora per 15-20 minuti e, dopo l’incordatura, arrestare la planetaria e rovesciare l’impasto sul piano di lavoro, realizzare le solite pieghe di rinforzo e pirlare in modo da ottenere una palla liscia e ben tesa.
    Inserire l’impasto nello stampo da pandoro da 750 gr. imburrato e infarinato, con la chiusura delle pieghe verso l’alto.
    Far lievitare ancora 8-10 ore finchè l’impasto raggiunge il bordo dello stampo.

  4. Pandoro - Così cucino io

    Estrarre il pandoro dal forno e portare la temperatura a 150°funzione statica.
    Inserire nel forno un recipiente di acqua bollente e infornare il pandoro sul primo ripiano, dal basso, per 55 minuti.
    Sfornare, far raffreddare per almeno 30 minuti poi capovolgere il pandoro su un piatto da portata, far raffreddare completamente e sfilare lo stampo (se fa resistenza, attendere ancor un po’).
    Si può servire a partire dal giorno successivo  spolverato di zucchero a velo.
    Buon appetito!

Consiglio…

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

Precedente Croccante di mandorle Successivo Tagliatelle al pesce spada

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.