Fave dei morti

Fave dei morti edizione 2017. La ricetta è sempre la stessa,  ogni anno in occasione della ricorrenza dei defunti,  si ripete la tradizione………In ogni pasticceria di Venezia vengono esposte le colorate fave dei morti sia triestine (con le mandorle) che veneziane (con i pinoli), io  le faccio in casa da anni, è troppo divertente…. Il procedimento è identico, cambia solo l’ingrediente principale….Quest’anno ho preparato fave  triestine, piccole, colorate, morbide e golosissime…..

Leggi anche:

Fave dei morti alla eugubina

Tradizione e halloween

Fave - Così cucino io
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    1+ 12 (riposo impasto) ore
  • Cottura:
    10-12 minuti
  • Porzioni:
    850 grammi
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • 200 g farina di mandorle
  • 600 g zucchero semolato
  • 80 g albume d’uovo
  • 2 cucchiai alcol per liquori a 90°
  • 1 pizzico vaniglia bourbon
  • q.b. cacao amaro
  • q.b. colorante rosso
  • q.b. zucchero avelo

Preparazione

  1. Tritare, nel mixer,  i pinoli (o le mandorle) con lo zucchero, quindi aggiungere la vaniglia, l’alcol per liquori e, alla fine, l’albume. Continuare a mixare finchè, al tatto, non si sentiranno più i granelli di zucchero. Amalgamare con cura il composto (eventualmente usando anche l’impastatrice).
    Dividere l’impasto in 3 pagnottelle e aggiungere ad una un po’ di cacao, ad un’altra pochissimo colorante, lasciando la terza al naturale. Impastare aiutandosi, eventualmente,  con poco zucchero a velo.
    Avvolgere ogni pagnottella in pellicola e mettere a riposo per 12 ore circa.

    Riprendere le pagnottelle, formare dei rotolini e tagliarli a pezzetti formando delle palline grandi come una noce (le veneziane),  come una nocciola (le triestine).
    Disporre le palline sulla teglia da forno ricoperta di cartaforno e cuocere a 130° per 10 minuti circa.

    Sono pronte quando iniziano a screpolare.
    Far raffreddare per 12-15 ore e…….. gustare

    Buon appetito!

Consiglio….

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 
Precedente Coniglio alla birra al forno Successivo Uva sotto grappa

Lascia un commento