Crescia di pasqua al formaggio

Crescia di pasqua o torta di Gubbio al formaggio…..Un tipico, soffice e saporito panettone al formaggio che, in Umbria, si consuma con prosciutto crudo locale tagliato al coltello, affettati uova e formaggio, come colazione il giorno di Pasqua, ma che si trova nei panifici eugubini tutto l’anno. Sono riuscita a prepararla  prendendo spunto da un ricettario umbro e integrando la  ricetta base seguendo alcuni preziosi consigli scoperti “navigando” in internet. Sono molto soddisfatta, la torta di Gubbio ha riscosso molto successo…..Già l’avevo proposta qualche anno fa – qui la ricetta – impastandola con la macchina del pane, ma questa volta ho usato la planetaria e lasciata a lievitare a lungo…….poi, finalmente, dal forno…..un delizioso profumo per tutta la casa……

Crescia di Pasqua al formaggio - Così cucino io
Crescia di Pasqua al formaggio – Così cucino io

Ingredienti:

125 gr di lievito  madre rinfrescato e lasciato riposare 3-4 ore

125 gr di farina manitoba

125 gr di farina 00

un cucchiaino di lievito di birra disidratato

2 uova intere

100 cc di acqua tiepida

1 cucchiaino di zucchero

3 cucchiai di olio extravergine di oliva

100  gr. di parmigiano grattugiato

100 gr. di pecorino romano stagionato grattugiato

formaggio a dadini ( Pecorino – Emmenthal – Montasio)

1 cucchiaino abbondante di sale fino

un pizzico di pepe

una grattatina di noce moscata

Mescolare le uova sbattute con i formaggi grattugiati, un pizzico di sale, un pizzico di pepe, la noce moscata e l’olio extravergine di oliva.

Setacciare e mescolare le farine, il lievito di birra disidratato e lo zucchero.

Sciogliere nella planetaria, il lievito madre nell’acqua tiepida, aggiungere il miscuglio di formaggi grattugiati e uovo continuando a mescolare, unire le farine a cucchiaiate e continuare ad impastare finchè il composto prende corpo e s’incorda.

Aggiungere anche i dadini di formaggio, leggermente infarinati e farli amalgamare al composto.

Togliere l’impasto dalla planetaria, metterlo in una ciotola non metallica, ungerlo leggermente d’olio, coprire e far lievitare fino al raddoppio (3-4 anche 5 ore!)

Sgonfiare delicatamente l’impasto e metterlo in un pirottino di carta da panettone (con queste dosi pirottino da 750 gr.), e lasciar lievitare finchè l’impasto arriva al bordo dello stampo.

Cuocere al 180° per circa 40 minuti (vale sempre la prova stecchino)

Sfornare, far riposare il “panettone” a testa in giù (infilato su  2 ferri e tenuto in sospeso) tagliare e……servire…

Buon appetito!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
Precedente Zeppole di San Giuseppe al forno Successivo Tarassaco al tegame, ricetta di stagione

Lascia un commento