Crea sito

Risotto al radicchio tardivo e teroldego

Risotto al radicchio tardivo e teroldego. Primo risotto dell’anno. Dato il periodo invernale, non poteva non essere che al radicchio tardivo di Treviso, nel pieno della sua stagione, aromatizzato da un vino rosso particolare, il Teroldego, vino tipico del Trentino il cui colore rosso rubino e sapore intenso donano una nota in più ad un piatto semplice, ma raffinato….

risotto radicchio e teroldego - Così cucino io
risotto radicchio e teroldego – Così cucino io

Ingredienti: (4 persone)

300 gr. di riso carnaroli

1/2 cespi di radicchio tardivo di treviso

mezzo bicchiere di vino teroldego

un piccolo scalogno

q.b. di olio extravergine di oliva

q.b. di brodo vegetale

qualche ago di rosmarino

una foglia di alloro

una presa di sle

un pizzico di pepe nero

una noce di burro

1-2 cucchiai di latte

parmigiano grattugiato a piacere

risotto radicchio e teroldego - Così cucino io
risotto radicchio e teroldego – Così cucino io

Pulire, lavare e tagliare a piccoli pezzi il radicchio tardivo.

Portare a bollore il brodo vegetale aromatizzandolo con una piccola foglia di alloro e qualche ago di rosmarino.

Tritare lo scalogno e soffriggerlo, senza farlo colorire, in poco olio extravergine di oliva.  Aggiungere il radicchio (tenerne da parte un cucchiaio per la decorazione finale dei piatti), mescolare e insaporire con sale e pepe.

Unire il riso, farlo tostare, sfumare con il vino teroldego e farlo evaporare.  Portare a cottura il riso aggiungendo, man mano che viene assorbito, il brodo bollente (18-20 minuti circa) e mescolando continuamente.

A fine cottura, a fuoco spento,  aggiungere il rosmarino tagliuzzato finemente, la noce di burro, un cucchiaio di latte e, a piacere, il formaggio grattugiato (io no, lo servo a parte).

Coprire con un coperchio e far riposare il risotto un paio di minuti, quindi mantecare per ottenere l’effetto “all’onda”.

Servire il risotto aggiungendo, in ogni  piatto, qualche pezzettino di radicchio crudo e qualche ago di rosmarino fresco.

Buon appetito!

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.