Bacalà mantecato

Bacalà mantecato. Sì, proprio bacalà con una sola C, alla veneziana! Dopo aver consultato tanti ricettari di cucina veneta, interrogato internet, chiesto consigli a parenti ed amici e, dopo più di un tentativo non riuscito perfettamente, ci sono arrivata…..Con immensa soddisfazione posso condividere il mio bacalà mantecato. Finalmente buono e di giusta consistenza…. A dire il vero non è baccalà, è stoccafisso, ma nel Veneto, come ho già avuto modo di dire, tutto quello che ha a che fare con il merluzzo sia fresco, sotto sale o essiccato   (stoccafisso), si chiama bacalà! Riassumendo e rielaborando tutte le informazioni ricevute, l’ho fatto così:

bacala-mantecato - Così cucino io
bacala-mantecato – Così cucino io

Ingredienti:

  • 250 gr. di stoccafisso già bagnato (ammollato per 3 giorni sotto l’acqua corrente)
  • 500 gr. di acqua
  • 150 gr. di latte
  • 300 gr. di olio di semi di arachidi
  • una presa di sale
  • un pizzico di pepe
  • mezza foglia di alloro
  • uno spicchio di aglio (solo per strofinare le pareti della planetaria)
bacalà-mantecato - Così cucino io
bacalà-mantecato – Così cucino io

Pulire lo stoccafisso da pelle e spine e metterlo in una pentola alta con l’acqua e il latte. Cuocere, a fuoco piuttosto lento, per circa 20 minuti da quando inizia a bollire. Aromatizzare con l’alloro, allontanare dal fuoco e far riposare circa 20-25 minuti.

Strofinare le pareti della planetaria con l’aglio, giusto per dare un po’ di profumo.

Scolare il pesce dal liquido (conservarne un bicchiere circa), spezzettarlo grossolanamente e metterlo nella planetaria. Insaporire con  sale, poco pepe, aggiungere un giro di olio e iniziare a montare con la frusta versando, a filo, altro olio ed, eventualmente, poco liquido di cottura (io questa volta non ne ho aggiunto!), continuando così fino a che l’olio finisce e  il composto diventa  bianco perlato e assume una consistenza cremosa e spumosa. Aggiustare di pepe e sale e servire accompagnando con polenta, crostini o fettine di pane tostato. A piacere si gusta anche con l’aggiunta di due gocce di limone…….

Se questo articolo ti è piaciuto, continua a seguirmi sulla mia pagina Facebook  COSI’ CUCINO IO

 

 

Precedente Ciambella alle pere Successivo Rigatoni al pastin della Val Zoldana

6 commenti su “Bacalà mantecato

  1. Luca il said:

    Ciao,
    per la prima volta provo a fare il baccalà con la planetaria. Secondo te può andar bene anche la foglia oltre alla frusta?
    Grazie

    Luca

  2. Luca il said:

    Ciao,
    seguo da molto le tue ricette e per la prima volta vorrei provare a fare il baccalà mantecato con la planetaria. Secondo te può andar bene la foglia come accessorio oltre alla frusta?
    Grazie

    Luca

  3. Beh, Luca, la foglia impasta, la frusta monta……secondo me puoi anhe iniziare ad amalgamarlo con la foglia, ma la frusta è essenziale! Buona giornata!

  4. Ciao Luca, ti ho già risposto al precedente commento! Sappimi dire come ti riesce! Grazie per la fiducia e buona giornata!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.