Ossobuco e funghi champignons

Ossobuco ai funghi champignons.

Tanto per cambiare….Ho preparato l’ossobuco in modo diverso dal mio abituale “alla milanese” con la tipica gremolada e riso allo zafferano. In frigo avevo i funghi champignons che tengo sempre di riserva perchè sono comodi, veloci e perfetti per un contorno dell’ultimo momento. Li ho usati come completamento all’ossobuco, che ho cotto in pentola a pressione, aggiungendoli solo in fine cottura ottenendo un piatto unico per una buona, sfiziosa cenetta…..

Ossobuco e funghi champignons-Così cucino io
Ossobuco e funghi champignons-Così cucino io

Ingredienti (2 persone):

2 ossobuchi di vitello

250 gr. di funghi champignons già puliti ed affettati

mezza carota

mezzo gambo di sedano

uno scalogno

q.b. di olio extravergine di oliva

un bicchiere di vino bianco

un bicchiere di brodo vegetale

sale e pepe

prezzemolo tritato

q.b. di farina 00

Ridurre sedano, scalogno e carota in un trito sottile e soffriggerlo, nella pentola a pressione, in qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Infarinare leggermente gli ossobuchi dopo aver effettuato dei piccoli tagli sul bordo per impedire che si arriccino ed eliminare la farina in eccesso.

Aggiungere gli ossobuchi al soffritto e rosolarli a fuoco vivace da entrambi i lati.

Bagnare con il vino bianco, farlo evaporare, salare e pepare, aggiungere un bicchiere abbondante di brodo vegetale caldo e chiudere la pentola a pressione. Calcolare 18 minuti di cottura dal sibilo.

Nel frattempo saltare per qualche minuto, in una padella i funghi con olio sale e pepe e tenerli da parte.

Allontanare la pentola a pressione dal fuoco, sfiatare e continuare la cottura degli ossobuchi, a pentola scoperta, finchè il sugo si riduce. Aggiungere anche i funghi e cuocere per altri 5-6 minuti per amalgamare i gusti.

Cospargere con prezzemolo tritato e servire…..

Ossobuco e funghi champignons-Così cucino io
Ossobuco e funghi champignons-Così cucino io

Buon appetito!

[avatar user=”eleme” size=”thumbnail” align=”center” link=”attachment” target=”_blank”]Semplicità e tradizione in tavola[/avatar]

Precedente Polenta e....... Successivo Straccetti di tacchinella al radicchio tardivo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.