Pagnotta alle tre farine con lievito madre

Pagnotta alle tre farine con lievito madre. Ogni volta un pane diverso! Faccio il pane da sempre eppure ogni volta è come fosse la prima volta, ogni volta una sorpresa, un’emozione……Oggi pagnotta alle tre farine, un impasto di farina 0, manitoba e semola rimacinata. Ho ottenuto una profumata pagnotta dalla crosta croccante e interno morbido e saporito, perfetta anche per il giorno dopo…..Che soddisfazione!

Pagnotta alle tre farine con lievito madre-Così cucino io
Pagnotta alle tre farine con lievito madre-Così cucino io

Ingredienti:

300 gr. di farina 0

200 gr. di farina manitoba

100 g. di semola di grano rimacinata

200 gr. di lievito madre appena rinfrescato

380 gr. di acqua a temperatura ambiente

un cucchiaino di malto

2 cucchiaini di sale

Pgnotta alle tre farine con lievito madre-Così cucino io
Pagnotta alle tre farine-Così cucino io

Sciogliere, nell’impastatrice con la frusta a gancio, il lievito madre e il malto nell’acqua.

Aggiungere a poco a poco le farine setacciate insieme e il sale e impastare finchè l’impasto incorda bene.

Ungere l’impasto con olio extravergine di oliva e metterlo in una ciotola, coperto con pellicola, per circa 2 ore.

Formare una pagnotta arrotolando la pasta con le mani e avvolgerla su un canovaccio infarinato con farina di semola, appoggiarla su un cestino di vimini e farla lievitare al caldo fino al raddoppio (8-10 ore)

Appoggiare la pagnotta sulla leccarda coperta da cartaforno, praticare sulla superficie dei tagli trasversali con una lametta, infornare a 220° per circa 10 minuti, abbassare a 180° e cuocere per altri 20-25 minuti.

Spegnere il forno, far riposare la pagnotta 10 minuti a forno spento, trasferirla su una gratella, far raffreddare e….buon appetito!

Pagnotta alle tre farine con lievito madre-Così cucino io
Pagnotta alle tre farine con lievito madre-Così cucino io

[avatar user=”eleme” size=”thumbnail” align=”center” link=”attachment”]Semplicità e tradizione in tavola[/avatar]

Precedente Frollini alla marmellata di ciliegie Successivo Risotto al radicchio tardivo e scamorza affumicata

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.