Croissant sfogliati, ricetta con lievito madre per evento GZ

E’ stato divertente. Ho fatto più di una volta i croissant, sempre con il lievito di birra, qualche volta con la sfoglia semplice, nella fretta con la sfoglia pronta, ma mai con il mitico Lievito madre. Ho avuto l’opportunità di prepararli assieme ad un folto gruppo di Bloggers condividendo con loro, in tempo reale, ogni passaggio importante, ogni step, ogni difficoltà fino al risultato finale: un vassoio di bellissimi, profumati e buonissimi cornetti. Purtroppo, per impegni sopravvenuti, non ho potuto cuocerli subito; ho dovuto lasciare l’impasto in frigo fino alla mattina successiva, non potevo fare altro! L’esperimento è riuscito, ho così imparato che possiamo far riposare la pasta qualche ora in più per cuocere i croissant quando lo desideriamo. Colgo l’occasione per ringraziare Nunzia del Blog Miele di Lavanda e Tamara del Blog Perle e ciambelle che ci hanno seguito con competenza, gentilezza e disponibilità e vi consiglio di provare questi meravigliosi croissant per una colazione che vi renderà la giornata più felice…..

PICCOLE VARIANTI: vaniglia in polvere al posto della vanillina, farcitura prima della cottura con marmellata, spennellatura con albume d’uovo (è una mia tecnica, non uso mai il tuorlo per spennellare), riposo della pasta, dopo tutte le operazioni di piegatura,  in frigo per 12 ore.

Croissant sfogliati con LM-Così cucino io

Ingredienti: (circa 24 croissant)

2 uova

500 gr. di farina manitoba

150 gr. di acqua tiepida

un pizzico di vaniglia bourbon in polvere

 70 gr. di zucchero

160 gr. di lievito madre appena rinfrescato

un pizzico di sale

300 gr. di burro

buccia grattugiata di limone e arancio non trattati

un albume d’uovo (per spennellare)

marmellata (io di albicocche naturalmente fatta in casa)

PicMonkey Collage croissant evento

Fondere 50 g di burro e lasciarlo intiepidire.

Spezzettare il lievito madre, scioglierlo nell’acqua tiepida e unire, lentamente, la farina setacciata, il burro fuso, la vaniglia, la scorza degli agrumi e le uova. Aggiungere anche lo zucchero e un pizzico di sale e impastare fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo (io l’ho fatto con la planetaria). Infarinare leggermente una ciotola e porvi l’impasto sigillando con la pellicola. Lasciar riposare per 12-14 ore nel frigo.

Trascorso il tempo necessario, riprendere l’impasto e stenderlo con il mattarello, sulla spianatoia infarinata, fino a formare una rettangolo dello spessore di circa mezzo cm.

Mettere il burro rimanente (250 gr,) ammorbidito a temperatura ambiente,  tra 2 fogli di cartaforno, schiacciarlo prima con le mani e poi con il mattarello fino ad ottenere un rettangolo dello spessore di circa un cm. Togliere la cartaforno e sovrapporre il panetto di burro sopra l’impasto precedentemente steso, coprendolo per 2/3. 

Ripiegare in tre la sfoglia, chiudere bene i lembi e stendere  la pasta con il mattarello fino ad avere un rettangolo di circa 1,5 cm. di spessore. Girarlo di 90° e ripiegarlo nuovamente in 3. Avvolgere il rettangolo di impasto in pellicola e mettere in frigo per mezz’ora.

Ripetere questa operazione per 3 volte a distanza di mezz’ora.

A questo punto si può procedere alla preparazione dei croissant, ma volendoli formare anche il giorno dopo, si può lasciare la pasta in frigo anche per 12 ore.

Stendere la pasta allo spessore di circa 3-5 mm. e ricavare dei triangoli di pasta. Mettere sulla base dei triangoli un cucchiaino di marmellata e arrotolarli per ottenere la forma classica dei croissant. Disporli sulla piastra del forno ricoperta di cartaforno e far lievitare, coperto, in ambiente tiepido per circa un’ora.

Spennellare i croissant con albume d’uovo e infornare a 180° per 15-20 minuti, comunque fino a completa doratura.

Profumo per tutta la casa per iniziare la giornata nel migliore dei modi!

Precedente Nocino di San Giovanni, liquore digestivo Successivo Cannelloni ricotta e cavolo nero al forno, ricetta primi piatti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.