Le calze della Befana: Calza-pane Calza-strudel

La Befana, come al solito, ha accontentato tutti:  calza salata per accompagnare il pranzo e calza dolce per concluderlo. Un impegno non indifferente, ma alla fine una bella soddisfazione.

 Per la calza-pane ho utilizzato l’impasto del pane casalingo dandogli la forma di calza.

Per la calza-strudel ho fatto lo strudel classico e anzichè chiuderlo semplicemente a rotolo, l’ho modellato come una calza, non è stato semplicissimo, data la delicatezza della sfoglia, ma alla fine è venuto proprio bene.

Ecco la ricetta:

Strudel di mele:

Ingredienti:

300 gr. di farina 00

1  uovo

80 gr. di burro

100 gr. di  zucchero

1 kg. di mele renette

50 gr. di uvetta sultanina

una manciata di pinoli

3 cucchiai di pane grattugiato

un pizzico di sale

un pizzico di cannella

buccia di limone grattugiata

Impastare la farina con l’uovo, 50 gr. di burro  morbido, un cucchiaio di zucchero e un pizzico di sale, unendo tanta acqua fino ad ottenere un impasto morbido. Avvolgere la pasta in pellicola e farla riposare al caldo per qualche ora.

Pulire e affettare le mele e metterle in una ciotola con l’uvetta ammollata, i pinoli,  la buccia di limone, la cannella e 75 gr. di zucchero. Far riposare circa mezz’ora.

Stendere la pasta con il matterello in una sfoglia piu’ sottile possibile (deve diventare trasparente), spennellarla con burro fuso e spolverizzarla con il pane grattugiato e tostato.

Distribuire sulla pasta le mele e l’uvetta e avvolgere a rotolo chiudende le estremità. In questo caso ho completato la lavorazione formando la calza della Befana.

Mettere lo strudel sulla piastra del forno ricoperta di cartaforno, spennellarlo con burro fuso e infornare a 190° per circa un’ora.

Servirlo freddo con panna montata, salsa inglese o gelato alla vaniglia.

 Tutti hanno apprezzato, la Befana è soddisfatta!!!

Precedente Aspettando la Befana 2011……… Successivo I crostini della Befana

2 commenti su “Le calze della Befana: Calza-pane Calza-strudel

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.