Crea sito

Pizza di formaggio

E’ con grande soddisfazione che vi propongo la pizza di fomaggio, il famoso panettone salato tipico delle regioni Marche-Umbria. Ho seguito una ricetta trovata sul Forum di Giallo Zafferano proposta da Mary-56, ho ridotto le dosi e cambiato qualche tipo di formaggio. Ho usato la macchina del pane – programma impasto – poi ho completato con la lievitazione e la cottura in forno.

 Il risultato è stato ottimo: i miei ospiti credevano l’avessi comprata a Gubbio visto che ero tornata da poco da una breve vacanza in Umbria.

Ingredienti:

125 gr di lievito  madre

125 gr di farina manitoba

125 gr di farina 00

2 uova intere

100 cc di acqua tiepida

1 cucchiaino di zucchero

3 cucchiai di olio EVO

125  gr. di parmigiano grattugiato

50 gr. di pecorino romano

formaggio a dadini ( Pecorino – Emmenthal – Montasio)

1 cucchiaino abbondante di sale fino

un pizzico di pepe

una grattatina di noce moscata

Ho messo nella ciotola della MDP l’acqua e il lievito madre e ho avviato la macchina per 2 minuti per  amalgamare.

Ho aggiunto, nell’ordine, le uova, le farine, i formaggi grattugiati, lo zucchero, l’olio, il sale il pepe e la noce moscata. Ho riavviato la macchina e, dopo circa mezz’ora, ho aggiunto il formaggio a dadini e portato a termine il programma “Impasto” Durata: un’ora e trenta.

Ho messo l’impasto nel pirottino di carta da panettone e  lasciato lievitare tutta la notte. Dopo 12 ore circa, la pasta aveva raggiunto il bordo del pirottino.

Ho cotto il “panettone” in   forno a 180°  per 40 minuti circa (vale sempre la prova stecchino).

Ho lasciato riposare la pizza a testa in giu’ per qualche ora e poi……………………….tagliata e sparita!  Chissà come mai!    

            

                                 

3 Risposte a “Pizza di formaggio”

  1. Ciao Chicca, benvenuta! Provala e sappimi dire……Io non sono umbra, sono veneziana, ma vado spesso a Gubbio e adoro questa pizza (o torta) di formaggio! A presto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.