Peperoncini sott’aceto

 

Li faceva mio nonno ed erano buonissimi, ma non ho mai avuto la sua ricetta. Qualche anno  fa ho trovato questa su una rivista di cucina: indovinatissima, sembrano proprio quelli di mio nonno.  Ottimi con il bollito, ma anche dentro a un panino con la mortadella.

Ingredienti:

 2 kg  di piccoli peperoncini dolci

 3  litri di aceto bianco(la quantità è indicativa: dipende anche dalla dimensione dei vasetti)

sale q.b.

 Lavare e tagliare la punta del picciolo ai peperoncini e stenderli su un grande vassoio possibilmente al sole, per 2-3 giorni,  per farli appassire leggermente.

Far bollire 2 litri di aceto.

Invasare in vasi piuttosto grandi i peperoncini spolverandoli di poco sale e ricoprirli di aceto bollente.

Far raffreddare, quindi chiudere i vasi e farli riposare al buio per 15 giorni.

Scolare i peperoncini, invasarli in vasi più piccoli e ricoprirli di aceto fresco.

Chiudere i vasetti e farli riposare per 2 mesi:  ecco, sono pronti per essere gustati.

 

Questa ricetta partecipa al contest:

Precedente Mix di verdure estive al forno Successivo Zuppa d'orzo

2 commenti su “Peperoncini sott’aceto

  1. Ottima ricetta! Un semplicissimo modo di conservare i peperoncini, indispensabili durante il periodo invernale per la salsa verde del bollito

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.