Risotto al radicchio con asiago

Chi mi segue sa quanto io ami il riso e i suoi derivati. Il risotto al radicchio con asiago è uno di quei piatti che adoro perché molto cremoso, dal gusto inteso e deciso.
Il radicchio rende la preparazione molto particolare, donando un sapore leggermente acidulo che contrasta con la dolcezza del formaggio.
E’ ideale nelle fredde giornate invernali perché dona un senso di benessere immediato, un profumo ed un sapore avvolgenti che è difficile non apprezzare.

Le dosi che vi indico sono per 4 persone.

risotto al radicchio con asiago

RISOTTO AL RADICCHIO CON ASIAGO

INGREDIENTI
300 gr di riso Carnaroli (io Cascina Canta)
1/2 cipolla
30 gr di burro
200 gr di radicchio rosso
100 gr di formaggio asiago
1 lt di brodo vegetale
1/2 bicchiere di vino bianco
parmigiano grattugiato q.b.
1 pizzico di sale

PROCEDIMENTO
Tritate finemente la cipolla e mettetela a rosolare in una casseruola dal fondo spesso dove avrete fatto sciogliere 20 gr di burro.
Dopo circa 3 minuti, versate il riso e fatelo tostare per un paio di minuti nel trito di cipolla.
Sfumate con il vino bianco e lasciate che evapori completamente.

Nel frattempo, tagliate il radicchio a listarelle sottili. Una volta evaporato il vino, aggiungete il radicchio e mescolate bene.
Iniziate quindi ad aggiungere poco alla volta il brodo caldo, in modo che il riso inizi a cuocere; salate.
Dopo circa 15 minuti aggiungete i rimanenti 10 gr di burro e l’asiago precedentemente tagliato a cubetti.

Procedete con la mantecatura, a fuoco bassissimo, fino al totale assorbimento dei formaggi.

Regolate di sale e servite il risotto al radicchio con asiago ben caldo, con una spolverata di parmigiano grattugiato.

risotto al radicchio con asiago

*****

Sapevate che… “Il radicchio rosso ha molte caratteristiche benefiche per l’organismo, sia crudo che cotto. Infatti, è un’ottima fonte di:
potassio, utile a regolare la ritenzione idrica e controllare l’equilibrio generale del corpo;
vitamine, in particolare la vitamina C che aiuta a rinforzare il sistema immunitario soprattutto nel periodo invernale;
fibre, che aiutano a combattere i grassi in eccesso e a regolare il senso della fame.
Il radicchio inoltre contiene fibre particolari che limitano l’assorbimento del colesterolo e riducono il rischio di malattie cardiovascolari”.

Precedente Spiedini di pollo al curry e zucchine Successivo Torta di panpepato con glassa al caffè

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.