Confettura di cachi fatta in casa

Preparare in casa la confettura di cachi è una delle mie più grandi soddisfazioni.
Lo ammetto, per comodità utilizzo i classici addensanti che è possibile reperire in tutti i supermercati e che riducono notevolmente i tempi di cottura.
Ad ogni modo, potete ovviamente preparare un’ottima confettura di cachi anche senza l’utilizzo degli addensanti, basterà attendere un poco di più.

La confettura di cachi è un’ottima soluzione per assaporare il gusto dolce e unico di questi frutti autunnali in qualsiasi momento dell’anno.
Non solo potrete gustarla a colazione, spalmata su una fetta biscottata o di pane, ma sarà possibile utilizzarla per farcire delle ottime crostate o per accompagnare i formaggi a pasta dura.
L’importante è procurarsi dei cachi ben maturi ma non molli, la confettura risulterà perfetta!
Io ho aggiunto anche una mela perché in questo modo il sapore è ancora più delicato.

Con queste dosi ho ottenuto 2 vasetti da 250 gr e uno da 400 gr. Quasi 1 kg di confettura di cachi perfetta!

confettura di cachi

CONFETTURA DI CACHI

INGREDIENTI
1 kg di cachi (circa 3, maturi)
1 mela
500 gr di zucchero
addensante 2:1 (1 busta)
succo di 1 limone

PROCEDIMENTO
Prima di tutto occorre sterilizzare i vasetti di vetro dove andrete a riporre la confettura (leggete qui).
Sbucciate la mela, eliminate il torsolo e tagliatela a dadini.
Lavate i cachi, con un coltellino spellateli e riducete la polpa a pezzetti avendo cura di eliminare la parte centrale più bianca.
Versate la polpa di cachi e i dadini di mela in un tegame capiente e antiaderente, mescolate.
Aggiungete lo zucchero, l’addensante e il succo di limone, mescolate nuovamente.

Ponete quindi il tegame sul fuoco a fiamma moderata e portate ad ebollizione, mescolando di tanto in tanto.
Dal momento dell’ebollizione, abbassate la fiamma e mescolate continuamente per 5 minuti in modo da dissolvere la schiuma che andrà formandosi man mano.
Togliete il tegame dal fuoco e frullate il composto con un frullatore ad immersione.
Rimettete sul fuoco, a fiamma dolce, e lasciate cuocere per altri 5 minuti finché il composto avrà raggiunto la giusta consistenza.

Versate la confettura di cachi ancora calda nei vasetti, riempiendoli fino all’orlo.
Per non rischiare che la differenza di temperatura rompa il vetro, vi consiglio di riscaldare i vasetti prima di versare la marmellata.

Chiudete ermeticamente i vasetti e capovolgeteli fino a completo raffreddamento della confettura.
I vasetti si conservano così fino a un anno. Una volta aperti, occorre riporli in frigorifero e consumare la confettura di cachi entro 7 giorni.

confettura di cachi

Precedente Biscotti al burro di arachidi - Peanut Butter Cookies Successivo Peperoni in padella con pangrattato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.