Seppioline con piselli in umido

La ricetta di oggi, le seppioline con piselli in umido, è un secondo piatto di pesce semplice e facile da realizzare, che fa parte della tradizione italiana.

Le seppie con piselli sono di origine laziale, ma con il tempo si sono diffuse in tutta Italia, specialmente nelle regioni costiere; ne esistono diverse versioni, con salsa, pomodori oppure in bianco, io le ho preparate utilizzando una lattina di pomodorini. La preparazione del piatto è piuttosto semplice, ma richiede una lunga cottura per permettere alle seppie di ammorbidirsi, inoltre le seppie hanno pochi grassi e poche calorie, ma sono ricche di proteine e vitamine, quindi possono essere consumate anche da chi è a dieta.

Io vi consiglio di servirle con dei croccanti crostini di pane.

Come tutti i piatti di pesce le seppioline con piselli in umido potrebbero essere inserite nel menù della vigilia di Natale.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 300 g Pisellini
  • 500 g Seppie pulite
  • 400 g Pomodorini in sugo (Lattina)
  • Olio extravergine d'oliva
  • 1 spicchio Aglio
  • Vino bianco
  • Sale
  • Pepe

Preparazione

  1. Prendere le seppioline già pulite, fatevele pulire dal vostro pescivendolo, e tagliare a striscioline quelle più grandi, lasciando intere le più piccole.

    In un tegame abbastanza capiente scaldare l’olio extravergine d’oliva con uno spicchio di aglio, unire le seppie e cuocere finché non sarà evaporata l’acqua che si forma. A questo punto sfumare con il vino bianco e far evaporare.

    Aggiungere i piselli e poi la confezione (da 400gr) di pomodorini in sugo.

    Salare, pepare e far cuocere per 30 minuti con un coperchio.

    Girare di tanto in tanto e se il sugo dovesse asciugarsi troppo aggiungere un poco di acqua.

    Servire con crostini di pane.

     

Note

Precedente Pasta broccoli e salmone Successivo Tortino di cavolfiore al forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.