Crea sito

Riso Venere all’arancia con mazzancolle: elegante bontà

Il riso Venere, ossia quello nero, è una varietà coltivata in Italia (Pianura Padana) dalla fine del secolo scorso. E’ cugino di quello cinese: “il riso proibito”, destinato solo all’Imperatore. Vanta la presenza di potenti antiossidanti oltre a svariate proprietà benefiche. Oltre a tutto ciò, è pure “bello” a vedersi, il che non guasta 😉 Qui lo propongo con l’arancia ed una guarnizione di code di mazzancolle. Credetemi se vi dico che fa molta scena ma è semplicissimo da preparare 😊

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 350 griso venere
  • 55 gscorza d’arancia bio, solo parte arancione (circa 4 piccole)
  • 140 gpolpa di arancia
  • 135 gspremuta d’arancia
  • 50 gscalogno
  • 40 golio extravergine d’oliva (più quello a crudo sul piatto completato)
  • 100 gvino bianco secco
  • 1 lbrodo vegetale (leggero)
  • 400 gcode di mazzancolle
  • q.b.olio (per ungere la padella)
  • q.b.prezzemolo tritato (molto finemente)
Il riso Venere richiede una lunga cottura: potete ridurre i tempi con la pentola a pressione, versando tutto il brodo in un’unica soluzione prima di chiudere il coperchio. Ne esiste in commercio un tipo che cuoce in 10 minuti (nominali): in effetti occorre un po’ di più. In questo caso, cuocete in pentola, bagnando con il brodo man mano. Di seguito vedrete che, in entrambi i casi, si ottiene un risultato analogo: quindi, a voi la scelta 😉

Preparazione

  1. Iniziate dalle arance: lavatele accuratamente ed asciugatele. Poi, con un pelapatate o con un coltello, asportate la parte arancione della scorza evitando la bianca che è amara.

  2. A questo punto, riducete le bucce in striscioline e tenetele da parte.

  3. Di queste arance pelate, prendetene una e ricavatene della polpa, togliendo anche la pellicina che avvolge gli spicchi.

  4. Il resto, spremetelo e filtratelo con un colino. Le misure sono indicative: dipende dai frutti. In ogni caso non pregiudica il risultato finale.

  5. Adesso passate a tritare finemente lo scalogno. Misurate il riso ed il vino bianco. Intanto assicuratevi che il brodo sia caldo.

  6. Versate l’olio in pentola e, con esso, lo scalogno e le scorze di arancia. A fiamma bassa, fate appassire dolcemente, girando. Questa operazione dura meno di un minuto: non bisogna far bruciare.

  7. E’ arrivato il momento di aggiungere il riso. Girando, sfumate con il vino.

  8. Quando questo sarà evaporato, unite la polpa ed in seguito il succo d’arancia, rimestando spesso.

    Se avrete optato per la pentola a pressione: versate il brodo e chiudete per circa 15 min a fuoco moderato e poi fate terminare la cottura scoperto.

  9. Se avete scelto di cuocere in pentola, bagnate con il brodo bollente, un mestolo alla volta fino a completa cottura.

  10. Tutto qui: ve l’avevo detto che era facile 😊 Passiamo adesso alle code di mazzancolle. Potete pulirle lasciando la coda o meno ma, importantissimo, eliminate il budellino nero dorsale. Se userete code fresche, è più semplice, altrimenti dovrete incidere il dorso.

  11. In un caso o nell’altro, mettetele in una padella appena unta d’olio e scottatele da un lato e dall’altro. Operazione velocissima: diversamente rischiate un risultato “gommoso”.

  12. Come presentare in tavola? Secondo la vostra fantasia 😉 Io ho usato le mazzancolle ma potete sbizzarrirvi 😊

  13. In un caso, ho servito in un piatto da portata adagiando le mazzancolle sopra. Se desiderate un tocco speciale: usate un coppapasta e poi ponete in superficie le code.

  14. Nulla vieta di aggiungerne anche attorno.

  15. In entrambi i casi, “spruzzate” con del prezzemolo tritato finemente, giusto per un tocco di colore e, magari, un filo d’olio extravergine.

  16. Facile e scenografico, vi piacerà sicuramente: fatemi sapere 😉

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Print Recipe
Riso Venere all'arancia con mazzancolle: elegante bontà
Porzioni
Porzioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.