Minestra di orzo perlato con carne e soffritto di porro

Una minestra calda per combattere il freddo.

Questa gustosa e sostanziosa minestra di orzo perlato con carne e soffritto di porro è la preparazione ideale da consumare in queste giornate di freddo gelido.

Quest’anno l’inverno è abbastanza rigido, anche da noi in Sicilia, e credo che ancora ne avremmo per un pò.

E’ piacevole, ritornando a casa dal lavoro, consumare una preparazione calda che ci scalda e ci rilassa.

Anche io, che solitamente preferisco i piatti freddi a quelli caldi, in questo periodo freddo ho invertito la preferenza e non posso fare a meno di preparare in abbondanza varie minestre e zuppe, meglio se piatti unici.

Questa minestra di orzo con carne ha bisogno di un pò di tempo per la cottura, ma si può preparare in anticipo ed essere riscaldata al momento e, se ne facciamo in quantità maggiore, il giorno dopo è ancora più buona.

Naturalmente non tutti hanno piacere di mangiare la stessa pietanza per diversi giorni, ma può capitare di non voler o poter uscire di casa, causa freddo e maltempo, e quindi fa comodo avere qualcosa di già pronto.

 

Minestra di orzo perlato con carne e soffritto di porro

 

Ingredienti

Orzo perlato g 200

Muscolo di vitello a tocchetti g 300

Porro 1

Cipolle tritate 2

Carota 1

Sedano 1 costola

Prezzemolo tritato 2 cucchiai

Olio / Sale / Pepe

Preparazione

In una pentola mettere i tocchetti di carne insieme alla cipolla, la carota e il sedano tagliati a pezzetti e portare ad ebollizione a fiamma alta con coperchio. Dopodiché, abbassare la fiamma e portare a cottura.

Il tempo di cottura della carne è di circa 1 ora. Dunque, 15 minuti prima di completarla aggiungere l’orzo, dopo averlo lavato sotto l’acqua corrente in un colino a maglia fitta, il sale e il pepe.

Nel frattempo, soffriggere in una padella il porro affettato ed aggiungerlo alla minestra a fine cottura insieme al prezzemolo.

La minestra di orzo perlato con carne e soffritto di porro, è pronta

 Servirla calda, anche con una spolverata di grana grattugiato, se si preferisce.

 

 

 

 

 

 

Precedente Patate allo zenzero con caviale e crosticini al burro Successivo Polpette di verdure selvatiche e ricotta in salsa di pomodoro

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.