Il gustoso sfincione palermitano

Lo Sfincione, in generale, è un’ antica preparazione tipica siciliana, venduta in rosticcerie, panetterie, pizzerie ed anche da ambulanti, un simbolo dello street food!
Il nome significa spugna, dal latino “spongia” e dal greco “spongos”.
Lo spessore e la sofficità dello sfincione, infatti, consentono il paragone proprio con una spugna, anche se non in tutte le province questo termine si riferisce alla preparazione di cui sto scrivendo oggi.

Nella Sicilia orientale, ad esempio, lo sfincione è un preparato fritto a base di riso; nella Sicilia occidentale, invece, una preparazione a base di una pasta da pane molto lievitata con un condimento molto gustoso, anche se semplice, che varia da una zona all’altra.
Quello palermitano è il più conosciuto…
Sfincione palermitano

Ingredienti

Farina di grano duro  g 500 
Lievito di birra secco 1 bustina
oppure fresco 1/4 di panetto
Cipolle dorate 2 grosse
Caciocavallo fresco g 200
Caciocavallo grattugiato g 100
Pomodori pelati g 500
Pangrattato
Zucchero
Olio evo
Origano
Sale e Pepe nero

Preparazione

Impastare la farina setacciata con il lievito, aggiungendo tanta acqua quanto basta (circa 300 ml a temperatura ambiente) ad ottenere un impasto molto morbido, e 1 cucchiaio di olio(nell’acqua aggiungere 1 cucchiaino di sale ed 1 di zucchero).
Mettere l’impasto in una ciotola infarinata, coprire con pellicola e lasciarlo a lievitare in luogo non freddo (il tempo di lievitazione dipende dalla temperatura dell’ambiente).
Nel frattempo, in un tegame, fare appassire con olio e poca acqua le cipolle affettate.
Aggiungere alle cipolle i pomodori precedentemente schiacciati con la forchetta e portare a cottura, regolando di sale e pepe alla fine.
Ungere il fondo di una teglia e stendervi l’impasto lievitato, con uno spessore di circa 2 centimetri.
Distribuire in superficie le acciughe spezzettate, il formaggio fresco a fettine e, infine, la salsa di pomodoro e cipolle.
Spolverizzare con formaggio grattugiato, un pizzico d’origano e pangrattato.
Fare riposare per 30 minuti, infornare a 220° per circa 40 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.