fbpx

CROSTATA CON MARMELLATA DI LAMPONI

FavoriteLoadingAdd to favorites
65 / 100

CROSTATA CON MARMELLATA DI LAMPONI. Il classico e semplice dolce , ideale per tutte le occasione… dalla colazione alla merenda

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto economico
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gburro (morbido ma ancora plastico)
  • 40 gmiele di acacia
  • 1baccello di vaniglia
  • 75 gzucchero a velo
  • 1tuorlo
  • 4 gacqua
  • 2 gsale fino
  • 300 q.b.farina 00 (debole )
  • Scorza di mezzo limone
  • q.b.marmellata di lamponi (o altro tipo – a piacere)

Preparazione

  1. Crostata con marmellata di lamponi

    Ricetta e ingredienti

    Burro morbido ma ancora plastico 200 gr

    Miele di acacia 40 gr

    Baccello di vaniglia 1

    Zucchero a velo 75 gr

    Tuorli 1

    Acqua 4 gr

    Sale fino 2 gr

    Farina 00 debole 300 gr

    Scorza di mezzo limone

    PREPARAZIONE frolla Milano di Iginio Massari

    Azionate la planetaria alla velocità più bassa: il burro deve assorbire il miele e lo zucchero , ma non deve montare. Arrestate la planetaria, sciogliete il sale in pochissima acqua (circa un cucchiaino) , si dovrà ben sciogliere per non avvertirlo poi al palato. Unite in planetaria il tuorlo .

    Aggiungete anche il sale sciolto in acqua nella planetaria e azionatela nuovamente a bassa velocità .Incidete la bacca di vaniglia nel senso della lunghezza e prelevate i semini

    versateli nella planetaria : considerate che 1 g di polpa di vaniglia aromatizza circa 10.000 grammi di impasto. E’ uno degli aromi naturali più potenti che esistano. Grattugiate la scorza di un limone non trattato con una grattugia, grattando da sopra in modo da essere sicuri di prelevare solo la parte gialla della scorza . Versate anche la scorza nell’impasto .

    Setacciate la farina e versatela tutta in una volta in planetaria quindi azionate nuovamente la planetaria e prestate attenzione a questa fase: dovrete far lavorare sempre a bassa velocità solo fino a quando il burro avrà incorporato tutta la farina. Per fare una prova della consistenza dell’impasto, prelevatene un pezzetto e maneggiatelo alcuni istanti.

    Se le mani restano pulite ‘impasto è pronto. Quindi rovesciatelo su un piano di lavoro aiutandovi con un tarocco modellatelo per dargli una forma cilindrica

    appiattitelo , e sigillatelo bene nella pellicola , riponetelo in frigo per un paio d’ore, meglio ancora se per tutta la notte in modo che i grassi e gli zuccheri abbiano tempo i stabilizzarsi e l’impasto risulti più lavorabile con il mattarello. Tirate quindi fuori l’impasto dal frigo e togliete la pellicola, spolverizzate leggermente il piano di lavoro e la superficie del panetto quindi stendete con un mattarello la frolla fino ad ottenere uno spessore di circa 4 mm; ne potrete verificare l’omogeneità facendo scorrere indice e pollice sui bordi della pasta; se in alcuni punti risultasse più spessa potete passare nuovamente con il mattarello dove necessario.

    Ora con una tortiera,o un coppapasta formare la nostra crostata,infine con il coltello bucherellate il fondo con la stessa punta del coltello e la vostra crostata sarà pronta per essere farcita e cotta in forno.

    Ho messo marmellata di lamponi home made.

    Ho decorato con un mattarello decorativo,stampini per biscotti per fiori e foglie.

    Ho cotto in forno statico preriscaldato a 160° fino a doratura,circa 35 minuti

    Come sempre va da forno a forno.

  2. CONSERVAZIONE

    Potete conservare la frolla Milano in freezer per circa 3 settimane e poi scongelarla in frigo e lasciarla a temperatura ambiente prima di lavorarla per preparare crostate o biscotti.

    CONSIGLIO

    Per preparare la frolla Milano potete in alternativa allo zucchero a velo, usare lo zucchero semolato nella stessa dose. La consistenza dell’impasto sarà diversa perchè lo zucchero a velo è molto più fine, dalle 300 alle 600 volte rispetto al semolato.

    E’ importante nella lavorazione iniziale con burro, miele e zucchero che il burro non monti incamerando aria, in quanto l’aria è un pessimo conduttore di calore e finirebbe per compromettere la cottura.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da donaelesuedelizie

Donatella vi accoglie nel suo blog, fatto di buone ricette realizzate con tanta passione, grazie alla quale creo ogni giorno gustose e semplici delizie. Tutto artigianale e soprattutto creato nei ritagli di tempo libero.

Ciao lascia un commento !

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: