Tordelli alla Massese

Tordelli alla Massese ..ricette massesi, piatti della tradizione, ravioli, ricetta tordelli, ravioli massesi, ricette con le bietole, ricette con il macinato, tordelli massesi, tordelli di massa carrara.

Oggi, secondo il Calendario del Cibo Italiano, inizia la Settimana del Campanile la cui ambasciatrice è Stefania Mulè e sul sito dell’ AIFB troverete un bellissimo articolo sulla storia e le tradizioni culinarie che ogni piccola città del nostro paese ha.
Ma che cosa è la Cucina del Campanile? Usando questo termine s’intende parlare di quei piatti del territorio che sono così importanti per le nostre città e che fanno parte della nostra tradizione gastronomica ma che, di una singola ricetta, ne esistono comunque innumerevoli varianti in tutta l’Italia.
Per questo motivo, io ho deciso di proporre i Tordelli alla Massese, che sono ravioli ripieni tipici della tradizione locale e che hanno moltissime variazioni nella ricetta nell’arco di pochi chilometri.
C’è chi usa la carne di maiale, chi solo il manzo, chi ci mette la mortadella e chi il prosciutto cotto, chi li mangia con un sugo di pomodoro, chi in brodo…una cosa è certa però e cioè che “le biete e il puerin” non devono mai mancare 😉
Nella traduzione dal dialetto massese, all’interno dei Tordelli devono essere presenti per forza le bietole e il timo che sono gli ingredienti che non mancano mai nonostante possa cambiare il tipo di carne o di sugo.
D’estate viene fatta anche la sagra per rendere omaggio a questo piatto tradizionale della cucina locale, i Tordelli alla Massese e quando ero piccola, il prepararli insieme ai miei nonni diventava una vera e proprio festa.
Ciò che mi piaceva di più, erano le polpette che il mio nonno faceva con l’avanzo del ripieno, una vera goduria per il palato 😀
Oggi ho preparato questo piatto con il sapiente aiuto della mia mamma che, insieme ai miei nonni, mi ha insegnato tutto quello che so sulla cucina.

Ingredienti per 6/8 persone
per la sfoglia per la pasta fresca
1 kg di farina 00
400 ml circa di acqua
2 uova intere
1 cucchiaino raso di sale
per il ripieno:
650 gr di carne di manzo macinata
350 gr di bietole
150 gr di mortadella
50 gr di parmigiano reggiano
6 rametti di timo
la mollica di 3 panini
3 uova
3 agli
un ciuffo di prezzemolo
olio evo q.b
sale q.b
latte q.b
pangrattato se necessario
noce moscata q.b
per il sugo di pomodoro:
2 agli
1 bottiglia di passata di pomodoro ( 1 litro )
1 cipolla
1 bicchiere d’acqua
olio evo q.b
sale e pepe q.b
qualche foglia di basilico fresco
un pizzico di zucchero

Tordelli alla massese

La ricetta dei Tordelli alla Massese —> Io li ho conditi con un semplice sugo di pomodoro, ma se volete farli al ragù, è la prima cosa che dovrete preparare e questa QUI è la ricetta.
Prepariamo il ripieno dei ravioli, pulendo e lessando le bietole in abbondante acqua salata bollente.
Fate rosolare il macinato con un pochino di olio e poi unite un trito di agli e prezzemolo.
Ammollate la mollica nel latte, strizzatela e unitela alla carne con il parmigiano.
Strizzate bene le bietole e tritatele finemente insieme alla mortadella.
Unite il tutto alla carne insieme al timo e alla noce moscata grattugiata.
Aggiustate di sale e di pepe e lasciate raffreddare.
Per ultimo aggiungete le uova, leggermente sbattute e se dovesse risultare troppo morbido aggiungete un po’ di pangrattato.
Tenete in frigorifero il ripieno fino al momento dell’utilizzo.
Ora prepariamo la sfoglia per la pasta.
Impastiamo la farina con le due uova, il sale e l’acqua, quest’ultima mettetene poca per volta perché dipende molto anche dal tipo di farina che state usando. Alcune assorbono di meno, altre di più.

Tordelli alla MasseseL’impasto non deve risultare né troppo molle né troppo duro.
Lavoratela fino a che non sarà completamente liscia, formate un panetto e lasciatela riposare per 15 minuti, coperta con un canovaccio.

Tordelli alla Massese

Passato il tempo necessario, dividete l’impasto in 4 e stendetelo usando la macchina per la pasta ( io ho ancora quella della mia nonna ). Dovrete passarla più volte al numero 8, poi due volte al numero 5 e solo una volta al 2.

Tordelli alla MasseseSe non avete questa macchina, dovrete usare il mattarello e tanta pazienza per stenderla sottile sottile.
Il risultato deve essere come questo in foto 😀

Tordelli alla Massese

Disponeteci sopra, ad intervalli regolari, un cucchiaino di ripieno e poi ricoprite con l’altro lembo di sfoglia e chiudete con le dita.

Tordelli alla MasseseTagliate i tordelli a forma di rettangolo e disponeteli su delle teglie di cartone ben infarinate e distanziati tra loro.

Tordelli alla Massese

Ora preparate il sugo, mettendo a rosolare il porro tritato in una padella con dell’olio.
Unite la passata di pomodoro, l’acqua, gli agli sbucciati e il pizzico di zucchero per togliere l’acidità del pomodoro.
Fate cuocere per 15 minuti a fuoco basso, aggiustate di sale e pepe, aggiungete qualche foglia di basilico fresco e il sugo è pronto.
Mettete sul fuoco una pentola d’acqua, salate e quando inizierà a bollire, versate i ravioli che avranno bisogno solo di pochi minuti per cuocere, essendo pasta fresca.
Conditeli con abbondante sugo e parmigiano (se volete) ed i vostri Tordelli alla Massese sono pronti per essere gustati 😀

Tordelli alla massese

SE VOLETE TORNARE ALLA HOME DEL BLOG, CLICCATE QUI 😀

Precedente Quaresimali Successivo Risotto con Asparagi selvatici

4 commenti su “Tordelli alla Massese

  1. Susanna il said:

    È incredibile quanto sia variegata la cucina italiana, e quante versioni esistano della stessa ricetta,una per ogni campanile. Anch’io ho dato il mio contributo con dei tortelli antichi, tipici del mio paese. Questi non li conoscevo ma devono essere buonissimi! E poi che bello prepararli insieme alla mamma!

    • Dolcissima Stefy il said:

      Grazie mille 🙂
      Infatti la cosa più bella è stato prepararli con la mia mamma 🙂

      • clarissa il said:

        potresti informarti anche sulla loro storia? che mi servirebbe perchè sono una professoressa dell’alberghiero e vorrei spiegare a i miei ragazzi la storia di questa buonissima pietanza,poi vorrei fargli imparare la riccetta che cosi possano farseli da soli

        • Stefania Pigoni il said:

          Salve, purtroppo al momento non ho tempo per cercare la storia della ricetta.
          Se la trovasse lei, mi farebbe molto piacere conoscerla.
          Grazie

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.