Polpette di Amaranto

Grazie all’azienda toscana “Nuova Terra” ho assaggiato per la prima volta l’amaranto e l’idea che subito mi è venuta in mente, è stata quella di utilizzarlo per preparare le Polpette di Amaranto.
E’ un alimento ricchissimo di ferro che contiene fibre e proteine vegetali.
Contribuisce alla normale funzione del sistema immunitario ed è ricco anche di magnesio, utile per combattere la stanchezza.
L’amaranto è una pianta originaria dell’America centrale dove era già coltivata dalle civiltà Incas, ha dei chicchi commestibili che vengono consumati in modo simile ai cereali.
In Europa si trovano tracce già nel ‘700 ma solo come pianta ornamentale, mentre in Africa nell’800 era coltivato come ortaggio ed in Asia invece come cereale. Conosciuto in tantissime parti del mondo, non ha raggiunto mai l’importanza che aveva ed ha nei paesi dell’America centrale.
L’amaranto era definito dagli Aztechi il “misterioso grano” oppure il “grano degli Dei”, proprio perché i semi erano conosciuti per le ottime qualità nutrizionali ed energetiche, ma anche per l’uso nei rituali religiosi.
La diffusione di questo cereale in centro America si arrestò quando arrivarono i Conquistadores nel sedicesimo secolo sia per lo sterminio della popolazione, sia per colpire la cultura religiosa originale e sia perché venne bandito, in modo da imporre la coltivazioni di semi europei.
Dopo alcuni cenni storici, veniamo alla ricetta di oggi, le Polpette di Amaranto e Zucca mantovana.

Ingredienti per 4 persone:
300 ml di acqua
250 g di zucca mantovana già pulita
150 g di amaranto ( Nuova Terra )
150 g di patate
50 g di pangrattato
1 scalogno
1 uovo intero
1 spicchio d’aglio
un ciuffo di prezzemolo
olio extravergine di oliva q.b.
farina 00 q.b.
sale q.b.
olio di semi di mais per friggere q.b.

Polpette di Amaranto e zucca

Polpette di Amaranto

Pelate le patate e grattugiate la polpa della zucca.
Tritate lo scalogno e fatelo soffriggere in padella con un filo d’olio extravergine di oliva.
Unite le patate, fatte a piccoli pezzi e la zucca mantovana e fate cuocere per circa 15 minuti a fuoco basso fino a che le verdure siano belle morbide.
Aggiustate di sale.
In un pentolino mettete l’acqua, portatela a bollore e cuocete l’amaranto.
Lasciatelo sul fuoco per circa 20 minuti o comunque fino a quando risulterà ben asciutto, ma non secco.
Nel frattempo tritate l’aglio ed il prezzemolo ed incorporateli all’amaranto ancora caldo.
Lasciate raffreddare e poi unitelo alle verdure cotte insieme all’uovo e al pangrattato.
Mescolate bene e poi formate delle piccole palline, schiacciatele e passatele nella farina.
Friggetele nell’olio di semi ben caldo e poi scolatele ed asciugatele su una carta assorbente.
Potete cuocerle anche in forno a 200° per 30 minuti.

Polpette di Amaranto e zucca

Le Polpette di Amaranto e Zucca sono buonissime calde, ma ottime anche fredde 😀
Se volete vedere altre ricette con la zucca —> CLICCATE QUI 

Per tornare alla pagina principale e vedere altre ricette, CLICCATE QUI 🙂

2 Risposte a “Polpette di Amaranto”

  1. Queste polpette sembrano buonissime! Ma per renderle ancora più light è possibile cuocerle al forno?

    Grazie!

    1. Dolcissima Stefy ha detto:

      Non ho provato, ma credo proprio non ci siano problemi 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.