Pollo fritto

Impossibile resistere alla “croccantezza” del Pollo Fritto, una ricetta che arriva direttamente dagli USA e che ormai è diffusa e apprezzata in tutto il mondo.
Questa preparazione ha un’origine particolare, infatti nasce nelle piantagioni di cotone dove gli schiavi friggevano il pollo come usava nei loro villaggi di origine, nell’olio di palma e con moltissime spezie.
Oggi lo troviamo in svariate versioni e la ricetta prevede numerose combinazioni di sapori con il curry, l’origano, il prezzemolo, la cannella, la paprika etc.
Il pollo fritto di Silvia è la sfida n°63 dell’ Mtchallenge.

pollo fritto

Ingredienti per 4 persone:
1 kg di cosce di pollo
200 g di farina 00
200 g di pangrattato
4 uova
sale q.b.
prezzemolo q.b.
paprika e zenzero in polvere per la panatura
erbe aromatiche q.b.
olio per friggere
per la marinatura:
250 ml di latte scremato
250 g di yogurt bianco magro
10 ml di succo di limone
per il ketchup:
200 g di passata di pomodoro
60 g di cipolle dorate
25 ml di aceto di vino rosso
25 g di olio extravergine di oliva
25 g di zucchero semolato
10 g di farina 00
un pizzico di paprika piccante
noce moscata q.b.
sale q.b.


Pollo fritto

Per prima cosa prepariamo il latticello, mettendo in una ciotola lo yogurt magro, il latte e il succo del limone.
Lasciate a temperatura ambiente per una decina di minuti e poi immergeteci dentro le cosce di polle che avrete precedentemente lavato e asciugato.
Metteteci dentro anche un po’ di erbe aromatiche, tipo rosmarino, salvia, timo etc e coprite con la pellicola trasparente, lasciando marinare per circa 6 ore.
Ora preparate il ketchup, pulendo le cipolle e tagliandole finemente.
Versate dell’olio extravergine in una padella e fate appassire le cipolle per 5 minuti, aggiungendo anche un goccio d’acqua.
Mescolate di tanto in tanto e poi frullate bene le cipolle nel mixer.
Unite la passata di pomodoro, la paprika piccante, la noce moscata grattugiata alle cipolle frullate in padella e aggiungete la farina, lo zucchero, l’aceto di vino rosso ed il sale.
Mescolate bene il tutto e lasciate cuocere per circa un’ora e mezzo a fuoco basso.
Mescolate di tanto in tanto per evitare che si attacchi.
Il ketchup è pronto e si conserva per un paio di giorni.
Se volete una consistenza vellutata, vi consiglio di usare il mixer per un paio di minuti.
Se invece volete ottenere una salsa più o meno agrodolce, dovrete aumentare o diminuire lo zucchero e l’aceto.
Passato il tempo necessario, riprendete la ciotola con le cosce di pollo, toglietele dal latticello e mettetele su una gratella a scolare bene, almeno per 30 minuti.
Sbattete le uova velocemente con una forchetta e aggiustate di sale.
Prendete le cosce, passatele nella farina, poi nell’uovo ed infine nel pangrattato in cui avrete messo anche del prezzemolo tritato.
Io ho realizzato due tipi diversi di panatura.

Infatti una l’ho fatta classica con pane e uova, mentre nell’altra ho aggiunto delle spezie in polvere ( paprika e zenzero), mescolate al pangrattato.
La prossima volta ne aggiungerò un po’ di più almeno il contrasto con il pollo fritto classico sarà più deciso.
Impanate tutto il pollo che avete e poi mettete l’olio sul fuoco in una pentola dai bordi alti.
Portatelo alla temperatura di 180°.
Se non avete un termometro da cucina, immergete un pizzico di farina e quando inizia a friggere, significa che l’olio è pronto per essere usato.
Friggete le vostre cosce di pollo fino a che avranno un colore dorato ed omogeneo.
Circa 10 minuti a pezzo, mantenendo sempre il fuoco basso.
Mettete le cosce su una carta assorbente e poi il vostro Pollo fritto americano è pronto per essere gustato.

Seguitemi anche sulla pagina Facebook per sapere tutte le novità – Dolcissima Stefy
Per tornare alla pagina principale del blog, CLICCATE QUI 😀

Precedente Crema Frangipane Successivo Girelle di Carnevale

5 commenti su “Pollo fritto

  1. Questo si che è un piatto gustoso! Non si può resistere al pollo fritto! Complimenti per la ricetta e anche per le bellissime foto!

  2. alessandra il said:

    due minuti in piu’ di cottura, ad essere pignoli (e sai che lo sono). Per il resto, bellissima interpretazione, classica ma ultragolosa. Brava!

  3. silvia il said:

    Proposta golosa ed invitante. il pollo e ben eseguito, la panatura è dorata ma il cuore necessita di un paio di minuti in più di cottura. Complimenti!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.