Pandoro senza Sfogliatura

Oggi prepariamo il Pandoro senza Sfogliatura con la ricetta di Adriano che ho trovato sul blog della bravissima Marilisa.
Dopo aver realizzato il Pandoro sfogliato una decina di giorni fa, ho pensato che avrei potuto provare a fare la “versione un po’ più semplice” … ve lo dico apertamente, non è semplice per niente.
Però la soddisfazione è talmente tanta che l’impegno che ci metterete ne sarà valso la pena.
Vi consiglio di leggere molto bene la ricetta prima di iniziare in modo da regolarvi con gli orari e non ritrovarvi a lavorare un impasto alle quattro del mattino.

Ingredienti per due pandori da 1 kg:
635 g di farina forte ( W350, io ho usato la manitoba oro del Mulino Caputo )
260 g di burro
250 g di zucchero a velo
190 ml di acqua
150 ml di panna fresca liquida
80 g di cioccolato bianco
15 g di lievito di birra fresco
10 g di sale
6 tuorli + 1 uovo
1 cucchiaino di miele di acacia
i semi di una bacca di vaniglia
qualche goccia di estratto di vaniglia

Pandoro senza Sfogliatura

Pandoro senza Sfogliatura

Ore 20:00
Iniziate la preparazione del vostro pandoro senza sfogliatura, realizzando un poolish.
Mettete in una ciotola 150 ml di acqua, 75 g di farina forte presa dal totale e 5 g di lievito di birra.
Mescolate il tutto, coprite con della pellicola e mettete in frigorifero tutta la notte ( 12 ore ).

Ore 8:00
La mattina tiratelo fuori dal frigorifero e preparate la biga.
Sciogliete 10 g di lievito di birra insieme al miele in 40 ml di acqua tiepida.
Aggiungete 80 g di farina ed un tuorlo d’uovo.
Formate un panetto, mettetelo in una ciotola, copritelo con la pellicola trasparente e aspettate che raddoppi il suo volume ( circa 2 ore ).

Ore 9:30
Passato il tempo necessario, mettete i due lieviti nell’impastatrice e aggiungete 150 g di farina sempre presa dal totale.
Fate lavorare la macchina con il gancio inserito fino ad incordatura dell’impasto.
Rallentate la velocità dell’impastatrice ed unite un tuorlo e 35 g di zucchero a velo e fate lavorare fino ad incordatura.
La massa dell’impasto deve risultare bella liscia e lucida, quindi non dovrete avere fretta tra un passaggio e l’altro.
Aggiungete un secondo tuorlo ed altri 35 g di zucchero a velo.
Incordate di nuovo.
A questo punto, aggiungete 80 g di burro morbidissimo ( quasi a pomata ).
Lasciate lavorare la macchina fino a che l’impasto sarà elastico.
Coprite con la pellicola e mettete a lievitare la ciotola della planetaria dentro il forno spento fino al raddoppio.
Ci vorranno dalle 4 alle 6 ore, dipende dalla temperatura che avrete in casa.
Preparate un’emulsione con 100 g di burro, 50 ml di panna fresca, il cioccolato bianco e qualche goccia di estratto di vaniglia.
Sciogliete tutti questi ingredienti a bagnomaria e lasciateli raffreddare, mescolando di tanto in tanto.
Versate nell’impasto lievitato la panna fresca rimanente, l’albume dell’uovo intero ( tutti i tuorli vanno riposti in frigorifero ) e 250 g di farina ( sempre presi dal totale ).
Azionate la macchina e lasciate lavorare fino a che il composto non risulti bello liscio.
Quindi, rallentate la macchina ed inserite i rimanenti tuorli ( 4 ), accompagnando ognuno di loro con un cucchiaio di zucchero a velo e di farina rimanenti.
Con l’ultimo tuorlo inserite il sale e i semini della bacca di vaniglia.
Aspettate che sia tutto ben amalgamato ed incordato prima di inserire le successive uova.
Ci vorranno circa 30 minuti per questi passaggi.
Poi incorporate l’emulsione, aggiungendo un cucchiaio alla volta per farlo assorbire bene.
Unite il burro restante ( 80 g ), poco per volta e lavorate ancora per ottenere un impasto liscio ed elastico.
Ribaltate l’impasto su una spianatoia leggermente infarinata e lasciatelo riposare per circa 30 minuti.
Pirlatelo ( date una forma rotonda ), aiutandovi con un tarocco e fate riposare nuovamente per 15 minuti.
Passato il tempo necessario, dividete l’impasto in due e pirlate ancora.
Fateli riposare per altre 15 minuti.
Pirlate per un’ultima volta e poi trasferiteli dentro gli stampi classici per pandori, molto imburrati, ma NON infarinati.
Copriteli con la pellicola trasparente e metteteli a lievitare nel forno spento fino a che l’impasto non sarà arrivato fino al bordo.
Ci vorranno dalle 6 alle 8 ore.
Cuocete in forno, statico e preriscaldato, a 190° per 10 minuti.
Diminuite poi a 170° e proseguite la cottura per altri 35 minuti circa.
A metà cottura mettete un foglio di alluminio sulla superficie dell’impasto per evitare che diventi troppo scuro.
Fate la prova stecchino per verificando la cottura, utilizzando in questo caso quello degli spiedini.
Dovrà uscire completamente asciutto.
Togliete dal forno ed aspettate che si raffreddi completamente prima di toglierlo dallo stampo.
Spolveratelo con dello zucchero a velo ed il vostro Pandoro senza sfogliatura è pronto per essere gustato.
Conservatelo ben chiuso all’interno di un sacchetto trasparente per alimenti.

Pandoro senza sfogliatura

Seguitemi anche sulla pagina Facebook —> Dolcissima Stefy

Precedente Mascarpone fatto in casa Successivo Torta Quattro Quarti al Cacao

2 commenti su “Pandoro senza Sfogliatura

  1. Giovanna il said:

    Caspita, che meraviglia! Continuo ad ammirare chi realizza panettoni e pandori da applauso e non oso cimentarmi. Forse un giorno dovrei provare conte! :-))) Auguri per le Feste! Un abbraccio

    • Dolcissima Stefy il said:

      Grazie mille!!!
      Auguri di buone feste anche a te 😀

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.