Crea sito

Bollènti o Necci

I Bollènti ( o Necci in Garfagnana ) sono simili a delle frittelle di castagne, hanno un colore marrone scuro ed una consistenza morbidissima.
Sono una ricetta tipica della mia zona, Massa Carrara e Bollènti è il nome che gli viene dato in dialetto massese.
La mia nonna me li preparava sempre tra il 12 e il 13 dicembre proprio per la festa di Santa Lucia che è la notte più lunga che ci sia e li cuoceva negli appositi Testi, cioè un utensile da cucina formato da due dischi di ferro con manico e su uno dei quali si versa l’impasto, coprendolo con l’altro disco per farlo cuocere.
Si trovano anche in commercio.
I miei sono vecchissimi perché erano della mia bisnonna e più anni hanno e più i Bollènti cuociono meglio.

Bollènti o Castagnacci
È tradizione consumarli ben caldi, come detto sopra per la notte di Santa Lucia e farcirli con la ricotta o lo stracchino e arrotolarli come fossero cannoli.
Tantissimi anni fa i bollenti venivano mangiati in sostituzione della polenta ed erano il pranzo tipico dei taglialegna e dei carbonai.
E’ sempre stato un cibo povero, ma è bello sapere che negli anni si sia mantenuta la stessa tradizione e che certe ricette vengano passate di generazione in generazione.
Oggi vi insegno proprio il procedimento che faceva la mia nonna.

Ingredienti per 6 Bollènti:
6 cucchiai pieni di farina di castagne
250 ml di acqua
400 g di ricotta
olio evo q.b
metà patata

Bollènti o Necci

La ricetta per preparare i Bollènti —> Mescolate la farina di castagne con l’acqua, eliminando tutti i grumi e formando una pastella liscia ma non troppo liquida.
Regolatevi un po’ ad occhio, nel caso aggiungete un pochino di farina di castagne.
Mettete sul fuoco i testi, uno in ogni fornello e aspettate che si siano completamente riscaldati.
Poi infilzate con una forchetta metà patata, la passate nell’olio e poi sopra ogni testo.
A questo punto versate al centro 2 cucchiai di pastella e ricoprite con l’altro testo. Aspettate meno di un minuto e poi girate i testi e finite la cottura in pochi secondi.
I Bollènti sono pronti quando si staccano da soli e saranno ben colorati.
Fate questo procedimento con tutta la restante pastella e poi spalmate sopra ad ognuno la ricotta o lo stracchino.
Arrotolateli e servite i Bollènti ben caldi e ne rimarrete pienamente soddisfatti.
Se non riuscite a trovare i testi, potete provare a cuocerli anche in una padellina antiaderente, ma non garantisco il risultato.
Seguitemi anche su google plus —> Dolcissima Stefy

Bollènti o Necci

SE VOLETE VEDERE ALTRE RICETTE, CLICCATE QUI 😀

2 Risposte a “Bollènti o Necci”

  1. Ma sono i necci! *_* O, almeno, dalle nostre parti li chiamiamo così! Ne mangerei a quintalate, così semplici… Ma se aggiungi il miele diventano stratosferici! ^_^

    1. dolcissimastefy ha detto:

      assomigliano ai necci,ma noili chiamiamo Bollènti ahahhaha perchè da proprio l’idea che ti strini le mani quando li mangi ahaha con il miele nell’impasto dici?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.