Crea sito
Pizza Pugliese senza patate
Focacce,  Lievitati salati,  RICETTE CENA,  Ricette PANE e LIEVITATI,  Ricette salate,  Ricette Secondi Piatti,  Ricette secondi sfiziosi,  Ricette secondi veloci,  RUSTICI

Pizza Pugliese senza patate

Pizza Pugliese senza patate

La Pizza Pugliese senza patate, è una focaccia rustica, molto usata anche nelle scampagnate poiché è ottima anche fredda. Adatta per finger food, stuzzichini o per cena accompagnata da vari affettati.

Pizza Pugliese senza patate

Ingredienti per una pizza (32×32):

Impasto:

  • 500 g di farina di grano tenero 00
  • 1 bustina di lievito secco
  • mezzo cucchiaino di zucchero
  • 150 g di latte
  • 200 g di acqua
  • 2 cucchiai olio di oliva
  • 1 cucchiaino di sale
Farcitura
  • 20 pomodorini ciliegino
  • olio q.b.
  • sale grosso q.b.

Procedimento

Pizza Pugliese senza patate

  1. Versare la farina nella ciotola della planetaria e aggiungere il lievito di birra secco e lo zucchero direttamente sul lievito. Azionare la planetaria alla velocità 2 , per 3 minuti.
  2. Aggiungere l’olio di oliva, azionare la planetaria e versare il latte tiepido poco alla volta, in modo che si incorpori per bene alla farina.
  3. Sciogliere il sale nell’acqua tiepida e aggiungerla lentamente man mano che l’impasto assume consistenza.
  4. Continuare ad impastare fino a quando la pasta non risulterà liscia ed elastica (per favorire  questo procedimento spegnere un secondo la planetaria, staccare l’impasto dalle pareti della ciotola aiutandosi con un cucchiaio, nel mentre versare un filo di olio, ungendo bene tutte le pareti). Azionare di nuovo il motore e impastare qualche secondo alla velocità 4. Si può anche ripetere questo passaggio una seconda volta ( tempo impiegato x impasto con planetaria: 15 minuti)
  5. Coprire la ciotola della planetaria con un canovaccio umido e far lievitare l’impasto in un microonde spento.
  6. Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume (circa 30 minuti) sgonfiarlo, versarlo su un piano da lavoro unto con poco olio, lavorarlo 10 secondi.
  7.  Infarinare la superficie, coprire con un canovaccio e un panno caldo e far lievitare altri 20 minuti.
  8. Trascorso il tempo consigliato stendere l’impasto nella teglia, quindi sistemarla sopra ad una pentola di acqua calda, avendo l’accortezza di coprirla con un canovaccio. Trascorsi 5 minuti controllare il calore della teglia con la mano, non oltrepassare..non farla surriscaldare troppo altrimenti potrebbe iniziare la cottura e non la lievitazione istantanea. A questo punto affondare i pomodorini nell’impasto lievitato poi cospargere con olio, sale grosso e origano (tempo x stendere + lievitazione istantanea + condire : 12 minuti).
  9. Infornare a 400 gradi (usando un forno a legna , senza grill) per 8 minuti.
  10. Se si usa un forno elettrico la temperatura da impostare sarà al massimo. (con grill acceso solo gli ultimi 4 minuti). naturalmente ognuno poi dovrà regolarsi conoscendo la qualità del proprio forno da cucina.

Commenta questo articolo

comments

6 Commenti

  • Arianna

    Ciao Roberta,
    altro dei miei esperimenti con le tue ricette! Ottima! Avevo provato varie volte a fare la focaccia pugliese con patate ma non mi era mai venuta!…e questa sí e buonissima!
    grazieee

  • Arianna

    Ciao Roberta, volevo chiederti un consiglio!Ho fatto il lievito in casa, quindi ieri ho provato a riprodurre la tua focaccia mettendo il mio lievito. Stesso impasto, ho lasciato lievitare una notte..Poi la mattina ho seguito il procedimento come sempre, tirata fuori e lavorata con olio poi altra lievitata e pentola con acqua calda. Buonissima ma mi é sembrata meno leggera..Secondo te devo fare ogni passo anche se ha lievitato 10 ore o devo omettere qualcosa?Grazie e ancora complimenti!!

    • roberta giovagnoli

      Ciao Arianna.
      La lievitazione dell’impasto con lievito naturale è molto più lenta in confronto alla lievitazione con lievito di birra. Quindi in questo caso utilizzare la pentola di acqua calda non serve ad ottenere una lievitazione istantanea e non porta ad una pizza leggera.
      Quindi il consiglio è:
      se vuoi utilizzare il lievito fatto in casa devi per forza restare nei tempi lunghi (per ogni passaggio) omettendo la pentola di acqua calda (metodo garantito solo per lievito di birra fresco o liofilizzato che sia).
      Spero di esserti stata di aiuto 😉 …..e grazie dei complimenti cara !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.