Gelato stecco cocco e yogurt con bimby o senza

Oggi prepariamo il gelato stecco al cocco e yogurt (con bimby o altro robot da cucina con lame) con soltanto 3 ingredienti, senza panna e senza gelatiera, a base di latte di cocco (fatto in casa ancora più ricco di sostanze nutritive), yogurt greco (anche fatto in casa) e poco zucchero (o zucchero di mele). Una preparazione semplice per realizzare un composto freddo (ma senza cristalli di ghiaccio) adatto appunto per assemblare dei gelati stecco da gustare lentamente. Si possono utilizzare delle formine oppure semplicemente dei bicchierini da caffè usa e getta, con quest’ultimi e 1 litro di latte di cocco ho realizzato 20 gelati freschissimi, gustosi al cocco, bianchi come la neve, poco calorici (anzi con tutte le proprietà benefiche del cocco e dello yogurt). Una scorta di piccoli gelati monoporzione freddi, per momenti di sollievo durante le giornate calde e afose dell’estate

  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo5 Ore
  • Porzioni20
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per Gelato stecco cocco e yogurt

Strumenti per Gelato stecco cocco e yogurt

  • Robot da cucina mixer o Bimby

Preparazione Gelato stecco cocco e yogurt

  1. Mettere nel boccale del bimby (o altro robot da cucina, oppure in una ciotola e fruste elettriche) :

    1 litro di latte di cocco +

    500 grammi di yogurt greco (o altra varietà) +

    80 grammi di zucchero di mele sostituibile con 100 g di saccarosio che non è altro che il comune zucchero (o 130 g di questo zucchero naturale zero calorie e zero carboidrati, anche per diabetici). Impostare 10 secondi / velocità 7

Passaggi da ripetere 2 – 3 volte

  1. Congelamento : trasferire il composto ottenuto in un contenitore ampio e basso, riporlo in congelatore per 5 ore

    Mantecatura : riprendere il composto, ridurlo in pezzi grossolani poi trasferirlo nel boccale del bimby (*o altro robot con lame). Impostare 5 secondi / velocità fino a 8. Spatolare per riunire il composto sul fondo del boccale e ripetere (*finchè si ottiene un composto cremoso)

    Quindi ripetere tutto dall’inizio per 2 – 3 volte (sia congelamento che mantecatura). Questi passaggi sono necessari per far si che all’interno della massa si rompano i cristalli di ghiaccio, poi nella fase di mantecatura il composto ingloba aria e man mano assume l’aspetto cremoso di un gelato (più volte si ripetono i passaggi e più il gelato diventa cremoso)

    Si possono escludere i passaggi solo se si utilizza una gelatiera

Assemblaggio dei gelati monoporzione

  1. Terminato l’ultimo passaggio non rimettere il composto nel contenitore ampio e basso, ma trasferirlo aiutandosi con un cucchiaio in 20 bicchierini da caffè (di plastica o di carta). Man mano che sono pronti trasferirli immediatamente nel congelatore.

    Quando tutti e 20 i bicchierini sono in congelatore sistemare lo stecco al centro di ogni gelato. Attendere qualche ora prima di consumarli in modo che lo stecco sia ben fermo in ogni gelato

    Al momento di consumare un gelato basta prendere il bicchierino dal congelatore, passarlo sotto l’acqua 2 secondi (facendo attenzione a bagnare solo il bicchiere esterno), quindi estrarlo (oppure tenere il bicchierino in una mano per 20 secondi e contemporaneamente stringerlo, con l’altra mano tirare leggermente lo stecco)

  2. * La guarnizione (come in foto) è facoltativa, per chi decidesse di procedere è semplicissimo : basta sciogliere 100 grammi di cioccolato fondente nel microonde oppure a bagnomaria, trasferirla in una sac a poche con beccuccio piccolissimo (oppure sostituire con un cartoccio fatto al momento con un foglio doppio di carta forno) e far scendere il cioccolato fuso intorno allo stecco a spirale fino ad arrivare al bordo del bicchiere, per guarnire anche il contorno dei gelatini invece occorre estrarli dai bicchierini (uno ad uno) far scendere il cioccolato a filo mentre si gira il gelato dallo stecco, aspettare 5 secondi che solidifica poi rimetterlo nel bicchiere

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Commenta questo articolo

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.