Crea sito

Crostata della Befana dolce senza glutine burro e zucchero

Oggi prepariamo un dolce da forno per festeggiare il giorno dell’Epifania, si tratta di una Crostata su base di frolla senza glutine ne burro e ne zucchero raffinato, al gusto di nocciole e burro di arachidi, farcita con ganache al cioccolato fondente e decorata con simpatici biscotti fatti in casa a forma di scopette della Befana. Con la stessa ricetta è possibile realizzare anche delle crostatine da mettere nella calza della Befana

Epifania cosa significa

L’Epifania (nome completo: Epifania del Signore) è una festa cristiana celebrata dodici giorni dopo il Natale. Il termine deriva dal greco epifàino (che significa “mi rendo manifesto”) al femminile epifàneia (manifestazione, apparizione, venuta, presenza divina). In Italia è legata all’adorazione dei Magi, si festeggia il 6 Gennaio e come tradizione si regalano ai bambini dei doni (carbone, caramelle e dolcetti vari messi in una calza in prossimità di un camino), portati dalla Befana (una vecchina brutta ma buona), che rappresentano quelli offerti a Gesù Bambino dai Magi. Nella maggior parte dell’Europa c’è l’usanza di preparare un dolce da forno con la figura di uno dei Magi. L’Epifania del Signore tradizionalmente conclude il periodo di Natale

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana

Ingredienti per Crostata della Befana

  • 75 gfarina di quinoa
  • 75 gfarina di nocciole (o nocciole tostate)
  • 75 gburro di arachidi
  • 25 gdolcificante (eritritolo)
  • 2tuorli
  • 3 gfarina (di psillio)
  • 2 gfarina (inulina)
  • 1 gsale dell’Himalaya (rosa)
  • 15 gacqua

Per farcire e decorare

  • 200 gcioccolato fondente al 75%
  • 150 glatte vegetale

Strumenti per crostata della Befana

  • Stampo (18 cm diametro)
  • Pentolino
  • Sac a poche
  • Spatola ( in silicone)
  • Carta forno

Preparazione per Crostata della Befana

Preparare la base della crostata e i biscotti di guarnizione
  1. Mettere sul piano da lavoro 75 g di farina di nocciole + 75 g di farina di quinoa + 3 g di polvere di psillio, mescolare poi creare un vulcano nel quale aggiungere 2 tuorli + 75 g di burro di arachidi + 25 g di eritritolo a velo + 2 g di inulina sciolta in 15 g di acqua con aggiunta di 1 g di sale. Lavorare e creare un panetto. Pesarne 220 grammi, quindi stenderlo tra 2 fogli di carta forno poi trasferirlo in uno stampo 18 cm di diametro (fare in modo di creare anche un bordo rialzato di almeno 3 cm). Bucherellare e lasciare da parte.

    Intanto stendere la restante frolla tra due fogli di carta forno (spessore 3 – 4 cm), disegnare su un cartoncino una scopa senza manico (per vedere le immagini passo passo -> scope della befana), tagliare la figura con le forbici, quindi appoggiarla sulla frolla e con un coltello ritagliare circa 10 figure o più. Sistemarle in uno stampo ricoperto con carta forno.

    Cuocere la base della crostata e i biscotti nel forno preriscaldato a 190°. Dopo 15 minuti sfornare i biscotti. Continuare a cuocere la base della crostata altri 10 minuti (controllare sempre la cottura in base al proprio forno)

Preparare la crema al cioccolato per la crostata e il cioccolato fuso per i biscotti

  1. Mettere in un pentolino 150 grammi di cioccolato fondente + 150 grammi di latte vegetale. Accendere il fornello e cuocere senza mai smettere di mescolare con una spatola in silicone. Spegnere quando raggiunge l’ebollizione. Lasciare da parte

    Mettere 50 grammi di cioccolato fondente in un piatto fondo, sciogliere nel microonde oppure a bagnomaria. Lasciare da parte

Assemblare e guarnire

  1. Mettere il cioccolato fondente sciolto in una sac a poche, quindi creare i bastoni delle scope biscotto e le spazzole (per vedere le immagini passo passo qui -> scope della befana). Lasciarle asciugare

    Intanto trasferire la crema al cioccolato nella base della crostata

  2. Guarnire con i biscotti a forma di scope della Befana.

    La crostata della Befana è pronta. Buonissima, golosa e di sicuro effetto

Epifania

Nel mondo l’Epifania del Signore si festeggia in modi diversi :

in Italia si regalano ai bambini dei doni portati dalla Befana (una vecchina brutta ma buona) che rappresentano gli stessi offerti a Gesù Bambino dai Magi

in Francia si usa fare un dolce speciale, all’interno del quale si nasconde una fava. Chi la trova diventa per quel giorno il Re o la Regina della festa.

in Germania il 6 Gennaio rappresenta la venuta dei re Magi, ma non è un giorno festivo, si lavora come solito e i bambini vanno a scuola. Spesso i preti e i chierichetti vanno nelle case per chiedere delle donazioni e recitano solitamente anche qualche Verso o intonano una canzone sacra. Le persone di religione cattolica si recano in chiesa per la messa

in Islanda Il 6 gennaio viene chiamato il tredicesimo, perché da Natale fino a questa data trascorrono 13 giorni. Si inizia con una fiaccolata, alla quale partecipano anche il Re e la Regina degli elfi. A metà strada arriva anche l’ultimo dei Babbo Natale, il tredicesimo (il primo Babbo Natale arriva l’11 dicembre e poi ne arriva uno ogni giorno fino a Natale, poi dal 25 dicembre in poi ne va via uno al giorno). La fiaccolata finisce con un falò e con dei fuochi d’ artificio.

in Romania la festa dell’Epifania rappresenta la venuta dei Re Magi ed è un giorno festivo. Ancora oggi in alcuni paesi i bambini vanno lungo le strade e bussano alle porte per chiedere se possono entrare per raccontare delle storie. Anche i preti vanno di casa in casa per benedire le case.

in Russia si celebra il Natale il 6 gennaio. Secondo la leggenda i regali vengono portati da Padre Gelo accompagnato da Babuschka, una simpatica vecchietta.

in Spagna il 6 gennaio tutti i bambini si svegliano presto e corrono a vedere i regali che i Re Magi hanno lasciato. Il giorno precedente mettono davanti alla porta un bicchier d’ acqua per i cammelli assetati e anche qualcosa da mangiare e una scarpa.

in Ungheria il giorno dell’Epifania i bambini si vestono da Re Magi e poi vanno di casa in casa portandosi dietro un presepe e in cambio ricevono qualche soldo

5.0 / 5
Grazie per aver votato!

Commenta questo articolo

comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.