Crea sito
Crema di melograno senza amido ne zucchero
CREME,  Creme a basso indice glicemico,  Dolci Senza Zucchero semolato,  Farina di Carrube,  FARINE,  INTOLLERANZE,  Le ultime ricette Dolci poco dolci,  Ricette a basso indice glicemico,  Ricette Base con Bimby,  Ricette Bimby,  RICETTE con AGAR AGAR,  Ricette con frutta,  Ricette con Melograno,  Ricette con Zucchero di Betulla,  Ricette dolci veloci,  RICETTE FACILI,  RICETTE LIGHT,  Ricette per diabetici,  Ricette Senza AMIDO,  Ricette Senza Glutine,  Ricette senza lattosio,  Ricette senza uova,  RICETTE VEGANE,  RICETTE VEGETARIANE,  RICETTE VELOCI

Crema di melograno senza amido ne zucchero

Crema di melograno senza amido ne zucchero – basso IG

Avevo in mente una crema speciale per farcire un rotolo dolce consentito anche per dieta alimentare a basso indice glicemico (sapete bene che alimentarsi a basso IG è molto importante per evitare picchi di zuccheri nel sangue, quindi per diminuire il rischio di Diabete II, per controllare il peso corporeo, per evitare i depositi di grasso proprio dove non dovrebbero essere, per tenere sotto controllo il colesterolo). Mi sono messa all’opera per prelevare i semini delle due melagrane (è facile guardate come ho fatto qui), poi ho estratto il prezioso succo (potete usare estrattore, bimby.. oppure guardate qui) e ho calcolato gli ingredienti da sostituire alla mia vecchia crema di melograno quella con saccarosio (IG 70) e fecola (IG 95). Questa volta ho utilizzato la farina di semi di carrube (IG 15) per sostituire l’amido e xilitolo di betulla (IG 7) per sostituire lo zucchero, ma la tenuta della crema non mi ha reso soddisfatta. Da brava blogger dal carattere caparbio ho ripetuto la ricetta dall’inizio e questa volta oltre alla carrube ho aggiunto una punta di agar agar (ma proprio una punta altrimenti avrete una crema effetto gelatina)..un risultato strepitoso, la crema di melograno ora ha un aspetto cremoso (gelatinoso? talmente poco che è davvero irrilevante..ma questo dipende da quanto agar agar aggiungete), tenuta perfetta, colore acceso bellissimo, sapore dolce poco dolce (tendente all’aspro) così da poter sentire il reale gusto del frutto fresco.  Che dire, come al solito ho dovuto provare e riprovare… ma è proprio questo il bello di creare in cucina…. pensate che proprio ora sto ri-facendo la crema al melograno per la terza volta e questa volta ho voluto conferire un aroma e un sapore dolce più acceso con 10 gocce di estratto di mandorla e 15 di Stevia (l’agar agar appena ha coperto la punta di un cucchiaino) il risultato mi è piaciuto tantissimo, anche più dell’originale, naturalmente in giornata e senza riposo in frigo resta cremosa ma se la conservate in frigo per 1 giorno o di più.. avrete un leggero effetto gelatina, basterà scaldarla nel microonde 20 secondi e tornerà cremosa pronta per farcire un dolce.  Ora sono felice di condividere con voi anche questa ricetta super testata….. e domani facciamo insieme anche il rotolo farcito con crema di melograno (con pasta biscotto al cioccolato naturalmente a basso Indice Glicemico).

Crema al Melograno : Vegana ( x vegani e vegetariani) – Gluten free (per celiaci) – senza lattosio (lactose free) – a basso Indice glicemico (per diabetici) – senza amido ne zucchero quindi con addensante e zucchero naturale (per dieta alimentare).

Seguitemi anche in pagina e su Instagram
Qui ricette senza zucchero
QUI altre Ricette a basso IG

Crema di melograno senza amido ne zucchero
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    1 minuti
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

Preparazione

  1. Crema di melograno senza amido ne zucchero

    Tagliate ogni frutto in due parti poi mettete una parte alla volta sul palmo della mano e con l’altra mano (con una paletta da torta bella pesante) battete per far cadere i grani in un piatto (guardate qui)

    Mettete tutti i grani in un bricco poi frullate pochi istanti con fruste elettriche. Passate con un passino (guardate qui)

  2. Ponete il succo di melagrana in una pentola non troppo grande, quindi aggiungete la farina di semi di carrube (setacciatela direttamente sul succo e contemporaneamente mescolate per evitare grumi)

    Aggiungete anche l’Agar agar (ma solo dopo averlo sciolto in poco succo di melograno oppure in due dita di latte di cocco freddo)

    Aggiungete lo zucchero di betulla (xilitolo)

    Mescolate il tutto e accendete il fornello. Cuocete fino a raggiungere i primi accenni di ebollizione (sempre mescolando), poi spegnete e lasciate raffreddare (se avete fretta di raffreddare potete immergere la pentola in acqua fredda, mescolate per evitare la pellicina dura in superficie, altrimenti coprite la crema con pellicola e lasciatela raffreddare senza fretta)

    La crema di melograno è pronta

  3. Crema di melograno senza amido ne zucchero

    Crema al Melograno con Bimby

    Ponete il succo di melograno nel boccale del bimby, quindi impostate 10 minuti / 85 gradi / vel 3.5

    Aggiungete dal foro del coperchio la farina di semi di carrube + l’agar agar sciolto in precedenza in poco succo di melograno oppure latte di cocco + zucchero di betulla. Al termine del tempo la crema è pronta.

Note

Consigli :

  • Considerate che con i 2 cucchiai di zucchero di betulla aggiunti si ottiene una crema al melograno poco dolce, con un tono leggermente aspro. Se preferite un sapore più dolce potete aggiungere  alla crema più dolcificante anche dopo averla preparata (meglio comunque prima che si raffreddi).
  • E per un tocco in più potete aggiungere 10 gocce di essenza di mandorle + 15 gocce di essenza di Stevia (oltre che a risultare più aromatica ci guadagna anche nel profumo). Davvero molto buona.
  • Fate attenzione alla quantità di Agar agar aggiunto, la consistenza della crema dipenderà maggiormente da questo ingrediente. Se ne aggiungete troppo il rischio è di ottenere una crema effetto gelatina, se ne aggiungete poco o niente il rischio è di ottenere una crema buona da consumare come dolce al cucchiaio ma non per una farcitura in quanto non reggerebbe

_______________

Soluzione per una consistenza errata :

  • Se avete aggiunto troppo agar agar quindi avete ottenuto l’effetto gelatina non buttate la crema ma risolvete aggiungendo un filo per volta di latte di cocco (mescolando o frullando) fino ad arrivare alla consistenza cremosa (potete anche far cuocere di nuovo)
  • Se avete aggiunto poco agar agar quindi avete ottenuto un composto che non reggerebbe come farcitura non buttate la crema ma risolvete aggiungendo una punta di agar agar (sciolto) e portate di nuovo sul fornello.

________________

Agar agar che cosa è :

  • L’agar agar (o kanten), è un gelificante naturale prodotto da alghe rosse, quindi ideale per cucina vegana
  • Si trova sotto forma di polvere, fili, fiocchi o barre (quest’ultima forma non garantisce il gluten free)
  • è un ingrediente indispensabile per la buona riuscita di questa crema (soprattutto se la crema è destinata all’utilizzo in giornata)
  • Temperatura necessaria per diventare solubile : 85-90°
    Temperatura necessaria per  diventare gelatinizzante : 35°
  • è insapore e inodore, quindi non modificherà il gusto finale della crema al melograno
  • quantità occorrente è minima, per 400 g di liquido ne basta una punta di cucchiaino

________________

Conservazione della crema :

La crema al melograno può essere conservata in frigo per qualche giorno, in questo caso (data la sosta prolungata in luogo freddo) lo stato di gelitificazione potrebbe aumentare, quindi prima di stenderla come farcitura è consigliabile riscaldarla leggermente poi lavorarla con fruste elettriche (se occorre aggiungere anche poco latte di cocco e continuare a frullare finchè diventerà cremosa)

Commenta questo articolo

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.