Pagnotta rosa senza glutine all’estratto di Cavolo viola

Pagnotta rosa senza glutine all’estratto di cavolo viola. Non è bellissimo il colore finale? Per la mia pagnotta ho scelto la cottura in pentola che dà sempre ottimi risultati, una bella crosticina fuori e morbidezza all’interno.
Il sapore del cavolo si avverte vagamente, una nota piacevole e non invadente, tra l’altro se proverete a fare delle bruschette tostando le fette il colore di intensifica …

Non temere per la lunga lievitazione, basta solo un po’ di organizzazione, io di solito preparo l’impasto la sera (spesso mentre preparo la cena) così da lievitare in frigo la notte è il giorno dopo proseguo con la preparazione …

La pagnotta rosa senza glutine all’estratto di cavolo viola si può anche congelare, io la metto in freezer già tagliata a fette è una volta scongelate con una passata in forno rinvigoriscono e sembrano appena sfornate 😉 vediamo la ricetta!!

Pagnotta rosa senza glutine all’estratto di cavolo viola
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Tempo di riposo20 Ore
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

400 g farina senza glutine per pane (Io solitamente uso schar o nutrifree )
400 g acqua di cottura del cavolo viola
3 g lievito di birra secco
1/2 cucchiaino zucchero
1 cucchiaino sale (abbondante )

Strumenti

Passaggi

Per prima cosa e in anticipo cuoci le foglie di cavolo viola in abbondante acqua per 10 minuti, spegni il fuoco e lascia raffreddare.

Una volta a temperatura ambiente togli le foglie che potrai utilizzare in un’altra ricetta e conserva l’ acqua di cottura che sarà di un viola intenso.

In un ampia ciotola metti la farina, il lievito e lo zucchero. Aggiungi l’acqua mescolando con una forchetta, quando ha assorbito tutta la farina aggiungi anche il sale e mescola bene.
Avrai un impasto morbido e appiccicoso.

Copri la ciotola con la pellicola e dopo 10 minuti rigira l’impasto.
Ripeti altre due volte, poi metti la ciotola in frigo a lievitare per 15/16 ore.

Io faccio questa operazione la sera prima.

Riprendi l’impasto che sarà più che raddoppiato, rovescialo su un piano infarinato, stendilo un po’ con le mani e ripiegalo a libro da entrambi i lati.
Fai una palla e rimetti nella ciotola, copri con un panno e prosegui la lievitazione nel forno spento ma con la luce accesa per 3 ore.

Passato questo tempo tira fuori la ciotola e porta il forno a 220 gradi, all’interno metti a scaldare la pentola dove cuocerai il pane.

Quando è in temperatura metti la pagnotta nella pentola, copri con un coperchio e inforna.

Quale pentola usare? Io utilizzo una semplice tortiera di circa 20/22 cm con bordi alti e ne utilizzo una più grande come coperchio.

Cuoci a 220 gradi per 30 min, poi togli il coperchio e prosegui a 210 gradi per altri 25/30 minuti.
Volendo accentuare la crosticina croccante e dorata gli ultimi minuti in modalità ventilato.

Una volta sfornato fai raffreddare su una gratella e la pagnotta è pronta.

ptr

Seguimi su Instagram per rimanere aggiornato sulle nuove ricette e tante altre dolci idee!!

👉Puoi trovarmi anche su Pinterest.

Se hai provato la mia ricetta fammelo sapere nei commenti e soprattutto fammi sapere se ti è piaciuta!!

/ 5
Grazie per aver votato!