Frittelle di baccalà

Le Frittelle di baccalà sono una ricetta tipica ligure che di solito servono nei ristoranti della riviera come antipasto mentre si aspetta che arrivino i primi. Sono fatte di farina, acqua e lievito che formano una pastella leggera e che poi avvolgerà il filetto di baccalà spezzetato. Sono ottime perchè sono croccanti ma allo stesso tempo morbide e saporite. E neanche a dirlo, una tira l’altra.Frittelle di baccalà

Frittelle di baccalà

Ingredienti:

  • Un filetto di baccalà già ammollato
  • 250-300 g di farina
  • acqua dai 200 ai 300 g possibilmente gasata
  • 5-7 g di lievito di birra
  • prezzemolo facoltativo

Per prima cosa prepariamo la pastella mettendo in una ciotola la farina e unendo poco alla volta l’acqua frizzante ed il lievito. Uniamo tanta acqua quanta ce ne serve per avere una pastella non troppo liquida. Il sale se proprio volete metterlo, giusto un pizzico, perchè il baccalà è già saporito di suo. Per profumare la pastella aggiungiamo anche del prezzemolo tritato finemente.Lasciamo lievitare per qualche oretta.

Intanto mettiamo il baccalà in acqua fredda per circa mezz’oretta in modo da ripulirlo bene.Frittelle di baccalà

Quando la pastella ha fatto le classiche bollicine della lievitazione ( o comunque già dopo un’oretta) , prendiamo il baccalà, lo asciughiamo, lo spezzettiamo con le mani e lo aggiungiamo alla pastella.

Possiamo friggere subito o lasciare ancora qualche minuto che il composto diventi omogeneo e amalgamato.

Friggiamo a cucchiaite la pastella con all’interno il baccalà e distribuiamo le frittelle su della carta assorbente.

Regoliamo di sale e serviamole tiepide….buonissime !!!

 

Precedente Trofie con caponata a modo mio Successivo Tortini di patate ripieni

4 commenti su “Frittelle di baccalà

  1. Qui nel dalento si fanno uguali, ma si chiamano pittole o pettole e si fanno col baccalà, col cavolfiore, alla pizzaiola o senza niente. Quelle vuote si mangiano intengendole nel vin cotto e si preparano di norma la vigilia dell’Immacolata o la vigilia di Natale. Sono buonissime, brava.

    • dolcidiziachicca il said:

      Grazie mille Silvana. Quando studiavo all’università la mia compagna di stanza era pugliese e ce le preparava sempre le pittole, ma avevavno i capperi le olive e i pomodorini….erano deliziose….devo ritrovare la ricetta. Grazie mille cara

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.