Torta alle carote

Torta alle carote

La torta alle carote é morbida e golosa e non contiene grassi ne olio ne burro, ma grazie alla presenza delle carote questa torta resta umida e soffice fino a 3 giorni, sempre che non finisca prima ovviamente. È un dolce adatto anche ai piú piccoli se evitate la glassa infatti basta una leggera spolverata di zucchero a velo e sará buonissima uguale. Visto che siamo vicino pasqua ho voluto preparare la mia torta alle carote nello stampo coniglietto, se non l’avete usate un classico stampo rotondo 24-26 cm. Ma  vediamo come si prepara nella ricetta che segue.

 

Ricetta ( per uno stampo 26-28 cm fino a 16 fette)

  • 250 g carote
  • 5 uova
  • 150 g zucchero
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 pizzico di sale
  • 250 g mandorle tritate finemente *
  • 100 g farina
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci

Per la glassa (facoltativa)

  • 200 g zucchero a velo
  • 2 cucchiai d’acqua tiepida (oppure succo di limone)


Preparazione della torta alle carote

Iniziate la preparazione della vostra torta alle carote dividendo i tuorli dagli albumi. Montate quest’ultimi a neve ben ferma con un pizzico di sale e mettete da parte. Ora pelate e grattuggiate finemente le carote anche con una grattuggia. A parte montate i tuorli con lo zucchero. In una ciotola mescolate le mandorle, il lievito e la cannella e unitele a cucchiaiate ai tuorli montati. A questo punto unite all’impasto gli albumi montati con un cucchiaio di legno facendo attenzione a non farli smontare. Infine incorporate sempre con un cucchiaio di legno le carote grattuggiate.

Ora imburrate ( io ho usato lo spray staccante per teglie) la vostra teglia e versate l’impasto e infornate in forno preriscaldato a 175° per 45-60 minuti. Fate la prova stecchino dopo circa 40 minuti. I tempi di cottura infatti potranno variare in base all’umiditá data dalle carote. Quando la vostra torta alle carote sará pronta lasciate raffreddare per bene prima di sformarla. Se volete potete preparare una glassa mescolando lo zucchero a velo con 2 cucchiai d’acqua tiepida o limone. Ma é buonissima anche con una spolverata di zucchero a velo.

  • ATTENZIONE se volete potete usare 350 g mandorle  per una versione senza farina.

 

 

Precedente Spaghetti alla carbonara (ricetta tradizionale romana) Successivo Sbriciolata ai frutti rossi (Streuselkuchen)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.