Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di san Giuseppe, dolci ciambelle con base di pasta choux, farcite con crema pasticcera e decorate con l’immancabile amarena sciroppata.
Questa è la versione classica di questo dolce tipico della festa del papà, ma come sempre si possono trovare tante altre varianti con diversi tipi di crema.
Ottime fitte o al forno, con la stessa ricetta potrete scegliere come prepararle e il risultato è sempre ottimo, leggo spesso che in tanti temono sia una ricetta complicata, ma con le dosi giuste e seguendo la ricetta passo passo invece è tutto molto semplice.
Queste zeppole sono tipiche della Campania ma ormai note in tutta Italia, presenti nelle migliori pasticcerie in previsione della festa del papà e preparate in tutte le case dei più appassionati di cucina, provatele anche voi!

Zeppole di San Giuseppe
  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Porzioni:
    10/12 pezzi
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Pasta choux

  • Acqua 250 ml
  • Farina 150 g
  • Uova 4
  • burro 35 g
  • Sale 1 pizzico

Crema

  • latte 500 ml
  • Uova 2
  • Zucchero 4 cucchiai
  • amido di mais 2 cucchiai
  • limone 1

Per friggerle

  • olio di semi di arachidi

Per decorarle

  • Amarene sciroppate
  • zucchero a velo

Preparazione

Crema

  1. Versate le uova intere, lo zucchero e l’amido direttamente in un pentolino dal fondo spesso, lavorate velocemente il tutto con le fruste elettriche, poi aggiungete il latte e continuate a lavorare la vostra crema per qualche istante.
    La crema risulterà liquida, ricavate la scorza del limone avendo cura di sbucciarlo senza la parte bianca e aggiungetela alla crema.
    Portate la crema a ebollizione tenendola mescolata per non rischiare la formazione di grumi, una volta che arriverà a ebollizione si addenserà in pochi istanti, a quel punto spegnete la fiamma e lasciatela raffreddare.

Pasta choux

  1. Versate l’acqua, un pizzico di sale e il burro in una pentola, portate a ebollizione, quando inizierà a bollire aggiungete la farina e mescolate con un cucchiaio di legno, quando avrete ottenuto un impasto liscio e omogeneo si staccherà perfettamente dal fondo e dalle pareti della pentola, a quel punto spegnete la fiamma e lasciate intiepidire leggermente.
    Trasferite il composto ottenuto nella planetaria, lavorate l’impasto aggiungendo un uovo alla volta man mano che verrà assorbito dall’impasto, dovrete ottenere un composto cremoso.
    Se non avete una planetaria potete usare un semplice mestolo e lavorare il composto in una ciotola, faticherete solo un po’ all’inizio inserendo le prime uova ma è comunque fattibile.
    Trasferite il composto in una saccapoche con beccuccio a stella.

Zeppole fritte

  1. Scaldate abbondante olio in una padella capiente, prendete un foglio di carta forno e ricavate 10/12 quadrati per posizionarci le zeppole.
    Ora prendete la saccapoche, disegnate dei cerchi poi ripassateli facendo un secondo giro sopra come per formare una spirale, potete lasciare il buco centrale o chiudere il fondo formando una base  e creando sempre il solito giro attorno per ottenere l’altezza adeguata.
    Una volta pronte le zeppole, versatele nell’olio caldo con la carta forno senza capovolgerle, quando il fondo sarà pronto la carta si staccherà da sola e potrete eliminarla, poi girate le zeppole e fatele dorare anche dalla parte opposta.
    Scolatele e adagiatele su carta assorbente in modo da perdere l’olio in eccesso.

Zeppole al forno

  1. Preparate una teglia con carta da forno, disegnate dei cerchi sulla carta con la saccapoche, formando un cerchio sopra l’altro e ottenendo un anello doppio, potete decidere se fare anche il fondo (io lo preferisco anche se la ricetta tradizionale non lo prevede).
    Infornate le zeppole a 180° possibilmente con forno ventilato e fate cuocere per 20 minuti circa, i tempi possono variare in base al forno, valutate la doratura.

  2. Zeppole di San Giuseppe

Per assemblare le zeppole

  1. Versate la crema in una saccapoche e farcite le zeppole con abbondante crema, ultimate il tutto con una spolverata di zucchero a velo e un’amarena sciroppata in superficie.

    Non vi resta che servirle.

    Mi trovate anche su Facebook

Note

Vi consiglio di farcire solo le zeppole che consumerete in giornata, se le farcite tutte potete conservare in frigorifero ma poi diventeranno morbide.

Precedente Torta pasqualina Successivo Orecchiette con cavolfiore e pecorino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.