Risotto alla milanese

Risotto alla milanese, “ris giald” in dialetto milanese, uno dei piatti più conosciuti di Milano, può essere servito come primo piatto o come contorno  dell’ossobuco.
Il risotto alla milanese nacque a Milano nel 1574, quando un vetraio belga che all’epoca risiedeva a Milano stava lavorando alle vetrate del Duomo.
Si racconta che per il matrimonio della figlia di questo vetraio, i suoi colleghi fecero  aggiungere lo zafferano a un semplice riso al burro, loro conoscevano lo zafferano perchè lo utilizzavano per dare una colorazione gialla ai vetri, in questo modo sembravano quasi dorati e l’oro era sinonimo di ricchezza.
“fonte della storia Wikipedia
Negli anni questo risotto venne modificato e cotto con del brodo, che può essere di carne (solitamente ossobuco) o anche vegetale, per poi essere mantecato e insaporito con burro e grana padano.

Risotto alla milanese
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    18/20 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Riso Carnaroli 200 g
  • Brodo di manzo (o vegetale) 500/600 ml
  • Vino bianco 100 ml
  • cipolla 50 g
  • burro 50 g
  • Zafferano in pistilli q.b.
  • Grana padano 50 g

Preparazione

  1. Per prima cosa mettete mezzo cucchiaino di pistilli in un bicchiere con un mestolo di brodo caldo, in modo da sciogliersi e tenetelo da parte (dovrete farlo qualche ora prima) o utilizzate lo zafferano in polvere.
    Tritate mezza cipolla circa, versatela in un tegame dal fondo spesso con metà del burro e fatela rosolare, aggiungete il riso e fatelo tostare per qualche istante, poi bagnatelo con il vino bianco, quando sarà evaporato abbassate la fiamma e versate un mestolo di brodo caldo.
    Aggiungete il brodo caldo al riso ogni volta che ne necessita, continuate la cottura per 18 minuti circa, versate il brodo tenuto da parte con lo zafferano, spegnete la fiamma e a questo punto aggiungete il restante burro e il grana padano, mescolate bene e lasciate mantecare con il coperchio per 5 minuti circa.

    Togliete il coperchio e portate subito a tavola il vostro risotto.

    Mi trovate anche su Facebook

Precedente Scaloppine ai funghi Successivo Panadì de Sant'Antone

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.