Riso freddo con surimi e gamberetti

Riso freddo con surimi e gamberetti, primo piatto fresco estivo, un’insalata di riso con ingredienti semplici, perfetta da preparare in anticipo e tenere pronta in frigorifero durante l’estate.
Per preparare il riso con surimi e gamberetti ci vogliono solo pochi minuti, potrete cuocere i gamberetti mentre cuoce il riso e sarà tutto pronto in un attimo.
I surimi sono spesso disprezzati, questo perchè non è vero e proprio pesce, ma come tutte le cose, se si ha un alimentazione varia non farà certo male mangiarli ogni tanto, a casa mia piacciono molto a tutti, quindi ogni tanto li trovate nelle mie ricette.

  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    3/4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • riso (per insalate ) 250 g
  • surimi 150 g
  • gamberetti sgusciati (surgelati) 200 g
  • Rucola q.b.
  • Olio extravergine d’oliva 1 filo
  • limone 1
  • Sale q.b.

Preparazione

  1. Per prima cosa cuocete il riso, lessatelo in abbondante acqua salata, scolatelo al dente, poi passatelo sotto l’acqua corrente fredda, questo servirà a eliminare l’amido e a bloccare la cottura.
    Versate i gamberetti in una padella antiaderente con un filo d’olio extravergine d’oliva e fateli cuocere per per due o tre minuti circa.
    Tirate fuori i surimi dalla loro confezione, privateli della pellicola trasparente e tagliateli a pezzi.

    Versate il riso, i gamberetti e i surimi in una ciotola, condite il tutto con succo di limone e olio extravergine d’oliva, mescolate bene e conservate il riso in frigorifero fino al momento di servirlo.

    Prima di servire il riso, aggiungete la rucola, meglio metterla sempre all’ultimo momento per non rovinarsi.

    Il riso freddo con surimi e gamberetti è pronto per essere servito.

    Torna alla home
    Se volete restare aggiornati sulle mie ricette seguitemi anche su Facebook e su Instagram 

Precedente Pizzette senza forno Successivo Pollo dorato senza forno

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.