Pizzette sarde

Pizzette sarde, quelle pizzette che solo in Sardegna, ma questo non lo sai fino a quando non decidi di partire, andare fuori dalla Sardegna e cercarle al bar quando vai a fare colazione.
Vi chiederete il perchè di questa strana cosa, quindi spieghiamo meglio, essendo nata a Cagliari e vissuta in questa provincia per anni, ho sempre dato per scontato che la pizzetta fosse usanza comune un  po’ in ogni luogo, una volta partita in viaggio per la Lombardia, dopo svariate volte che ho cercato la mia tanto amata pizzetta al bar e mai trovata mi son documentata e solo allora ho scoperto che la pizzetta sfoglia è cagliaritana.
Esatto, questa famosa pizzetta di pasta sfoglia è nata a Cagliari ed è presente in tutti i bar e le pasticcerie di Cagliari e provincia, ma ormai in quasi tutta la Sardegna, l’usanza vuole che si mangino a colazione al posto del solito croissant o “pasta” come direi pensando alla Sardegna, ovviamente accompagnata da un buon caffè.
Oltre ad essere gustate a colazione, sono spesso presenti come aperitivo o come finger food durante le feste, i compleanni o comunque in svariate occasioni.
Le pizzette sono realizzate con pasta sfoglia, polpa di pomodoro, capperi e acciughe, quest’ultimo ingrediente però non sempre è presente, probabilmente viene utilizzato a discrezione della pasticceria o forneria che le prepara.
Arrivando al dunque di quello che è la ricetta, preparare le pizzette sarde in casa è veramente molto semplice, in questo caso utilizziamo la pasta sfoglia già pronta, quindi sarà tutto molto veloce, potete poi scegliere se utilizzare solo i capperi o anche le acciughe in base ai vostri gusti.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 12 pezzi
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Pasta Sfoglia 2 rotoli
  • Polpa di pomodoro 100 g
  • Concentrato di pomodoro 50 g
  • Acciughe sott'olio 12
  • capperi 24
  • Origano q.b.
  • Sale q.b.
  • uovo 1

Preparazione

  1. Versate la polpa di pomodoro e il concentrato in una ciotola, aggiungete un pizzico di sale e un po’ di origano, mescolate bene il tutto.
    (se stagione potete aggiungere a piacere qualche foglia di basilico fresco)

  2. Srotolate entrambi i rotoli di pasta sfoglia.
    Tagliate 12 dischi di sfoglia su ogni rotolo, io ho utilizzato un coppapasta diametro 8.

  3. Farcite i dischi di un rotolo con la polpa di pomodoro, i capperi e le acciughe, mettendo due capperi e un’ acciuga  in ogni pizzetta.

  4. Prendete un secondo coppapasta ma diametro 6 e segnate la sfoglia al centro senza tagliarla (il rotolo che vi servirà per i coperchi), questo servirà a dare meglio la forma alle pizzette.

  5. Spennellate l’uovo attorno alle pizzette farcite.
    Chiudete le pizzette con i coperchi preparati, sigillate bene attorno premendo con i polpastrelli, poi spennellate l’uovo anche sulla superficie di ogni pizzetta.

  6. Trasferite le pizzette nella teglia ricoperta da carta forno e cuocetele per 15/20  minuti circa selezionando se presente la funzione ventilato, i tempi possono variare in base al forno, valutate la quindi la doratura delle pizzette.

     

  7. Le pizzette sarde sono pronte, non vi resta che farle raffreddare e servirle, ottime sia appena sfornate che il giorno dopo, potete quindi prepararle anche in anticipo.

     

     

  8. Ovviamente vi sarà avanzata la sfoglia attorno ai dischi preparati.. 
    Cosa si può fare?
    Tutto tranne buttarla, i miei figli ad esempio non mangiano capperi e acciughe, quindi ho pensato a loro, ho unito i ritagli, ho steso la sfoglia con il mattarello ottenendo un rettangolo, ho tagliato dei piccoli rettangoli e farcito metà dei pezzi ottenuti con la polpa di pomodoro, ho sigillato con l’altra metà sempre spennellando con l’uovo sia all’interno che all’esterno, in questo modo non ho buttato nulla e ho ottenuto delle ottime pizzette anche per i miei figli.

     

    Torna alla home
    Se volete restare aggiornati sulle mie ricette seguitemi anche su Facebook e su Instagram 

Note

Precedente Melanzane impanate in padella Successivo Pasta con patate

10 commenti su “Pizzette sarde

  1. Pingback: Le pizzette della perdizione | b&b Piccola Sicilia

    • Michela il said:

      Grazie! Ho letto il tuo articolo! Veramente molto carino e mi fa piacere esserti stata utile, ho provato a commentare nel tuo post ma non son riuscita, mi chiedeva la mail ma poi la pass mi diceva che era errata, vabbè… Comunque grazie!

  2. Loredana Italiana il said:

    Ottime, le ho provate. Comunque i ritagli si possono riutiluzzare sovrapponendoli uno sull’altro per rispettare la sfogliatura e stendendo di nuovo

    • Michela il said:

      Ciao loredana, avevo provato a utilizzarli ma non mi venivano così belle, allora ho preferito preparare altri salatini, se ti son venute bene meglio!

  3. ViO il said:

    Questa è decisamente la ricetta migliore che ho trovata: l’ho provata e sono uscite delle pizzette decisamente degne dei migliori bar sardi 🙂 Grazie!
    PS: è vero che rimettendole 2 minuti in forno dopo che si sono sfreddate diventano ancora più friabili e buone? Le ho mangiate troppo in fretta per poter provare…

    • Michela il said:

      Ma grazie! Fa piacere sapere quando una ricetta viene apprezzata 🙂
      Sai che non ho mai provato? Anche qui quando le preparo spariscono e non mi restano mai da scaldare! Dovrei nasconderne due e provare!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.