Pizza margherita al carbone vegetale

Pizza margherita al carbone vegetale, una pizza molto semplice, con in più il carbone, che non ne varia particolarmente il gusto ma la rende sicuramente molto particolare alla vista.
In tanti potrebbero apprezzare, altri magari no, io come sempre, devo assolutamente provare tutto ” o quasi” e visto che da tempo rimandavo questo esperimento, eccomi finalmente con questa scoperta.
Essendo già molto particolare ho preferito stare sul classico almeno nel condirla, quindi una buona mozzarella, io con la mia fedele mozzarella di bufala, che adoro.. pomodorini freschi e un po’ di basilico, pochi ingredienti che l’hanno resa speciale senza troppe pretese.
Il trucco per un ottimo risultato è solo uno, pochissimo lievito e lievitazione lunga, in questo modo otterrete una pizza molto alveolata e leggera.

 

Pizza margherita al carbone vegetale
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    7/8 minuti
  • Porzioni:
    3/4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per la base

  • Farina 600 g
  • Acqua 380 ml
  • Olio extravergine d’oliva 2 cucchiai
  • Carbone vegetale 2 cucchiaini
  • Lievito di birra fresco 1 g
  • Sale 15 g

Per farcirla

  • Mozzarella di bufala 200 g
  • Polpa di pomodoro 200 g
  • Pomodorini 200 g
  • Olio extravergine d’oliva
  • basilico
  • origano
  • Sale

Preparazione

  1. Versate la farina e il carbone vegetale nell’impastatrice e mescolateli bene.
    Aggiungete il lievito e poca acqua alla volta, iniziate ad impastare, aggiungete l’acqua man mano che l’assorbe, quando l’impasto risulterà incordato aggiungete il sale e la restante acqua, continuate ad impastare bene fino ad assorbirla del tutto ed ottenere un impasto perfettamente elastico, infine versate l’olio, continuate a lavorare l’impasto, una volta pronto dovrà risultare morbido e avrà incorporato abbastanza aria da creare le bolle.
    Versate l’impasto in una ciotola e copritelo con pellicola, lasciatelo lievitare fino a raddoppiare di volume, se impastate la sera potete farlo lievitare per una notte intera, se avete più fretta dovete valutare di aggiungere un po’ di lievito.

    Prendete il vostro impasto, ribaltatelo su un piano da lavoro e dividetelo in due parti, formate due palline, lasciatele lievitare di nuovo fino al raddoppio (una due ore circa).
    Stendete le due pizze sul piano infarinato, farcitele con la polpa di pomodoro, un pizzico di sale, olio, origano e basilico fresco, aggiungete la mozzarella e i pomodorini freschi e infornate le pizze a 250° per 7/8 minuti circa, o comunque fino a completa doratura.
    Sfornate e servite subito le vostre pizze.

    Mi trovate anche su Facebook

Precedente Panino con hamburger al salmone e guacamole Successivo Trofie al pesto con pomodorini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.